Cronaca Villafranca di Verona / Strada Regionale 62

Verona, aperta variante sulla Regionale 62 tra Villafranca e Povegliano: si sposta il passaggio Tir

La strada è vista come una vera e propria liberazione per i cittadini dei due comuni, invasi da decine di migliaia di veicoli molti dei quali pesanti e che al territorio lasciano solo pericoli, disagi e inquinamento

Eccola aperta, la variante alla strada regionale 62 “della Cisa”, che libererà dal traffico di transito gli abitati di Povegliano Veronese e di Villafranca di Verona, a sud del capoluogo scaligero, lungo la principale viabilità ordinaria che collega il Tirreno al Brennero e al resto d’Europa. L’ha realizzata Veneto Strade con finanziamento della Regione. La strada è vista come una vera e propria liberazione per i cittadini dei due comuni, invasi da decine di migliaia di veicoli molti dei quali pesanti e che al territorio lasciano solo pericoli, disagi e inquinamento.

“Un opera strategica solo apparentemente minore - ha ricordato l'assessore regionale alla Mobilità, Renato Chisso -. Perché la nuova viabilità, attesa da oltre vent’anni, come ha ricordato il sindaco di Villafranca, Mario Faccioli, è parte di un più ampio programma per attrezzare e ammodernare il corridoio intermodale TiBre, Tirreno – Brennero, nel contesto dell’adeguamento del Veronese come punto di snodo tra Italia, nord ed est europeo. Di fatto le merci e l’economia passano soprattutto di qua e anche la ripresa economica passa per questo quadrante. Noi abbiamo cominciato ad adeguare la viabilità ordinaria, che di solito viene ammodernata dopo quella ferroviaria e autostradale. Ci siamo presi avanti e vogliamo realizzare anche il secondo stralcio di questa variante, attualmente in fase di Valutazione d’impatto ambientale”.

Per quest’ultima c’è però un problema di finanziamento. Avrebbe dovuto essere trovato con il prolungamento dell’autostrada "della Cisa", per ora al palo. In questi ultimi anni la Regione ha dichiarato di voler investire soprattutto sulla sicurezza idraulica. “Il nostro impegno  – ha affermato in proposito l'assessore regionale ai Lavori pubblici, il veronese Massimo Giorgetti – è di ricercare le risorse per il secondo stralcio con la stesura del prossimo bilancio”.

"FACCIAMO DA SOLI, È MEGLIO" - “L’apertura di questa nuova arteria, realizzata a tempo di record da Veneto Strade, è la dimostrazione che quando possiamo fare da soli facciamo meglio, prima e spendendo meno di quanto non facciano le analoghe istituzioni statali - ha commentato il presidente della Regione, Luca Zaia, salutando l’apertura del primo stralcio -. Eppure i nostri cittadini lasciano ogni anno a Roma 21 miliardi di euro che non tornano sul nostro territorio ma sostanzialmente vanno a coprire le inefficienze e gli sprechi altrui. Con una somma del genere, con una sola annualità, potremmo sistemare e mettere in sicurezza tutto il Veneto e realizzare tutte le infrastrutture che ci mancano per rendere più forte la ripresa dell’economia”.

LA NUOVA VARIANTE VILLAFRANCA-POVEGLIANO

LA CERIMONIA PER LA VARIANTE

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, aperta variante sulla Regionale 62 tra Villafranca e Povegliano: si sposta il passaggio Tir

VeronaSera è in caricamento