menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verona, allarme bomba in zona Stadio. Due valigie al sottopasso scatenano il panico. Strada chiusa

Per permettere l'intervento è stata chiusa infatti la tangenziale che conduce al casello di Verona Nord e all'aeroporto Catullo nel tratto compreso tra la stazione ferroviaria e l'uscita di Santa Lucia

Due valigie hanno scatenato l’allarme bomba, a Verona. Sono state ritrovate accanto alle postazioni autovelox della tangenziale Nord, in direzione Verona. La prima è stata fatta brillare verso le 17e20 ma non è chiaro se contenesse esplosivo. L’altra è ancora al vaglio, vicino al dispositivo di controllo velocità, sul ciglio stradale, non distante dalla galleria vicina allo stadio. L’allarme è scattato poco dopo le 16 e sul posto sono giunte pattuglie della polizia con gli artificieri e i vigili del fuoco. A supporto anche l'automedica del 118. Chiamate anche alla polizia municipale di Verona, i cui agenti avevano notato le valigie abbandonate, avvolta da cellophane e scotch da pacchi. Erano appese a due pali in tangenziale. I vigili, in attesa dell'arrivo degli esperti di esplosivi, hanno provveduto a chiudere il tratto di strada, deviando il traffico in città. Gli artificieri, coordinati anche dalla Digos, si sono poi occupati della seconda valigia che non conteneva alcun esplosivo.

Per permettere l'intervento è stata chiusa infatti la tangenziale che conduce al casello di Verona Nord e all'aeroporto Catullo nel tratto compreso tra la stazione ferroviaria e l'uscita di Santa Lucia. La viabilità è stata deviata sulle circonvallazioni, dalla Zai alla zona Bentegodi. Dopo gli accertamenti di sicurezza, l'allarme è rientrato verso le 18e15. Si è trattato dunque di falso allarme. Gli artificieri hanno scoperto che all'interno delle valigie c'erano fili elettrici. Erano state infatti dimenticate dagli addetti dell'azienda incaricata di installare gli le postazioni autovelox sulla strada. Una prima dello svincolo d'uscita allo stadio, l'altro all'ingresso della galleria. I dispositivi sarebbero stati installati nei prossimi giorni.

La Questura e il Comando dei vigili avrebbero deciso di denunciare ignoti per procurato allarme: "Nessun addetto ne' i responsabili della ditta hanno informato la polizia municipale o l'amministrazione di questa iniziativa sconsiderata che ha causato allarme e ha provocato disagi a migliaia di automobilisti" avrebbe dichiarato il comandante della Municipale di Verona, Luigi Altamura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento