Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca San Zeno / Piazza Corrubbio

Accoltellato a San Zeno, ancora mistero sul movente. La vittima: "Non so perché l'abbiano fatto"

Per fare chiarezza nelle indagini verranno analizzati i vestiti del ragazzo calabrese ferito e dei due sospettati, dei nordafricani. Le lesioni sono di entità minore del previsto, guariranno in due settimane

L’accoltellamento avvenuto venerdì scorso a San Zeno ai danni di un ventiseienne calabrese, come si legge sulle pagine de L’Arena, non sarebbe l'epilogo di un regolamento di conti. La vittima infatti manifesta confusione a riguardo del movente che avrebbe spinto i due aggressori, due nordafricani, a colpire con violenza il giovane grazie all’ausilio di coltelli lunghi 30 centimetri.

Per fare chiarezza sono stati sequestrati gli abiti del ragazzo che ha riportato ferite guaribili in un paio di settimane e quelli dei due sospettati. Il ragazzo che è stato accoltellato, di professione cameriere, è arrivato in piazza Corrubbio a bordo di una Peugeot 206. Insieme a lui c'era un altro giovane. A loro si sono avvicinati degli uomini che li hanno aggrediti, ma tra i due ragazzi colpiti il ventiseienne calabrese è stato quello che ha riportato le ferite più gravi.  Gli inquirenti si chiedono se c’era accordo dietro questo incontro, si spera che dai vestiti emergano ulteriori tracce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoltellato a San Zeno, ancora mistero sul movente. La vittima: "Non so perché l'abbiano fatto"

VeronaSera è in caricamento