Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Trento / Piazza Arsenale

Verona, accoltellata 15 volte dall'ex, Laura si racconta: "Il peggio è passato. A lui non voglio male"

La 25enne di Nogara ha rischiato la vita per l'aggressione subita da Enrico Sganzerla in un locale vicentino. Lui ossessinato dalla gelosia; lei, dopo l'ospedale, tenta di ricominciare la vita "normale"

Vuole tornare alla sua vita, quella “normale. Per alcune vittime di violenza riprendere a sperare in un futuro migliore significa ricominciare una “nuova” vita. Per Laura Roveri, 25 anni di Nogara, vuoldire riprendere il lavoro, farsi coccolare dalla famiglia e dagli amici, curare le cose che amava fare prima della terribile aggressione nel locale di Vicenza. Sono passati due mesi da quando la ragazza è stata ferita con 15 coltellate dal suo ex ragazzo Enrico Sganzerla, commercialista di Casaleone con studio a Cerea.

Quella sera del 12 aprile, in una discoteca del centro berico l’ha raggiunta mentre era in compagnia di alcuni conoscenti ad una festa. Lui era ubriaco e si era portato dietro un coltello da cucina. Ossessionato dalla gelosia, era diventato più volte possessivo, violento. Pericoloso. Laura è finita all’ospedale e si è dovuta sottoporre per giorni a cure ed operazioni per scongiurare la tragedia. Sganzerla è in carcere, accusato di tentato omicidio. Ora la ragazza nogarese si è detta più tranquilla. Sta meglio e il corpo risponde bene. Ci vorrà ancora del tempo però. Proprio lei è comparsa davanti ai giornalisti per presentare, attraverso la sua testimonianza, l’evento organizzato dall’associazione per la prevenzione del femminicidio “Isolina e…”. È previsto domenica prossima all’Arsenale, dalle 18 alle 19e30, con ospite d’eccezione l’attrice Lella Costa.

L’associazione ha anche annunciato di essersi costituita parte civile nel processo contro Sganzerla ed è tutt’ora coinvolta in quello a carico dell’avvocato Vittorio Ciccolini, accusato di aver ammazzato a coltellate la sua ex ragazza Lucia Bellucci.

SGANZERLA CHIEDE LA SCARCERAZIONE: "LE RESTERO' LONTANO"

LAURA TREMA AL PENSIERO DEL SUO EX: "SOCIALMENTE PERICOLOSO"

Come spiega il Corriere Veneto, Laura Roveri ha tentato di far sapere com’è andata, il suo percorso. Quella relazione che attraverso il sentimento aveva oscurato i moti di violenza del compagno:

«Mi sono chiesta poi, di quei "segnali" che c'erano. Erano la gelosia di Enrico, la sua possessività. Non li ho visto o forse li ho voluti ignorare. Li scambiavo per una sorta di "protezione" che però era morbosa» … «Non gli auguro del male… In realtà non gli auguro niente. Si è rovinato la vita da solo, peggio di questo non c'è… Vorrei solo, per lui ma anche per me, che seguisse un percorso di ricostruzione a livello psicologico, che gli faccia capire cosa ha fatto, cosa non va in lui… Io, da parte mia ho capito che è importante non chiudersi, che quello che mi è successo va messo a frutto perché non succeda più»

Emilio Greco, di “Telefono Rosa”, ha invece evidenziato l’inquietante legame con casi simili

«L'identikit di questi uomini - ha spiegato - è sempre lo stesso, con piccole sfumature. Sono comportamenti che si ripetono: il possesso, la coercizione psicologica, l'isolamento. Poi si passa ai fatti….». Se li porta addosso, Laura, quei fatti. Le coltellate sulle testa, sul collo, sulla schiena. «Cambi, è inevitabile. Leggi la realtà in modo diversi, getti lo sguardo dove prima non cadeva... Io, per fortuna, riesco a scindere Enrico dagli altri uomini. Non mi limita quello che ho passato. Non ho paura dei maschi, ho solo paura che Enrico non faccia quel percorso...».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, accoltellata 15 volte dall'ex, Laura si racconta: "Il peggio è passato. A lui non voglio male"

VeronaSera è in caricamento