Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Bussolengo / Via del Commercio

Accoltella furiosamente l'ex amico: solo l'intervento dei carabinieri riesce a fermarlo

Ad avvisare le forze dell'ordine sono stati i residenti e coloro che intorno alle 15.30 transitavano in auto vicino al concessionario Fimauto

Solo l'intervento dei carabinieri di Bussolengo ha impedito che una furibonda lite scoppiata tra due cittadini stranieri in viale del Commercio, nei pressi della concessionaria Fimauto, si tramutasse in omicidio. 

A dare l'allarme sono stati i residenti della zona e gli automobilisti che transitavano su quella strada intorno alle 15.30, quando l'aggressione ha raggiunto il suo apice. La vittima è un extracomunitario abita nelle vicinanze, l'aggressore invece, anch'egli extracomunitario, risiede a Zevio, lavora come operaio ed è incensurato.

La vittima è stata raggiunta da numerose coltellate sotto gli occhi dei passanti attoniti, subendo gravi ferite al volto, all'orecchio e nella zona dei reni. Quando i militari sono giunti sul posto l'aggressione era ancora in fase di svolgimento e il loro intervento è servito a strappare dalle mani dell'aggressore il coltello da cucina, prima che questo potesse finire il proprio "lavoro". Il marocchino si trova ora in carcere a Montorio in attesa dell'udienza di convalida: Il magistrato poi deciderà se confermare l'imputazione di tentato omicidio, o se decidere di derubricare il reato in lesioni gravi o gravissime, nel caso le ferite riportate dall'altro marocchino fossero meno gravi rispetto al previsto. 

Intanto i militari indagano sul movente che ha scatenato la furia dell'uomo nei confronti di una persona annoverata nella sua cerchia delle amicizie: si perché i due si conoscevano e si frequentavano anche in compagnia delle rispettive mogli, ma secondo gli inquirenti il motivo del raptus sarebbe proprio passionale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoltella furiosamente l'ex amico: solo l'intervento dei carabinieri riesce a fermarlo

VeronaSera è in caricamento