rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cronaca

Vendita abusiva di tabacchi lavorati, oltre 19 chili sequestrati dalla guardia di finanza

Una serie di controlli eseguiti dalle fiamme gialle hanno portato a pesanti sanzioni e anche alla richiesta di chiusura per due esercizi, come previsto dalle norme

Controlli intensificati per la guardia di finanza del Comando provinciale di Verona, con l'obiettivo di contrastare il fenomeno della vendita abusiva di tabacchi lavorati.

I finanzieri veronesi nei giorni scorsi hanno svolto alcuni servizi che hanno portato ad un sequestro, presso un negozio condotto da cittadini stranieri, di quasi 40 mila articoli accessori ai tabacchi da fumo, soprattutto filtri e cartine per il confezionamento di sigarette. Tali prodotti, dal 1° gennaio 2020 assoggettati a specifica imposizione, infatti possono essere commercializzati solo dalle rivendite autorizzate di generi di monopoli. Il titolare dell’esercizio commerciale, in assenza delle necessarie autorizzazioni, è stato segnalato all’Ufficio delle Dogane e dei Monopoli competente, che provvederà a sanzionarlo e a disporre la chiusura dei locali aziendali.

Guardia di finanza - sequestro tabacchi lavorati (3)-2

In un'altra circostanza, nel corso dell'attività di pattugliamento del territorio, i baschi verdi di Verona hanno sottoposto a controllo due cittadini stranieri e le loro auto che si trovavano fermi in un’area di sosta isolata, rinvenendo complessivamente oltre 13 chili di sigarette di contrabbando, sottoposte a sequestro amministrativo.

L’illecita vendita di sigarette è stata accertata anche presso un centro scommesse e sala slot della città, dove i finanzieri scaligeri hanno trovato, a portata di mano dietro il bancone del bar, alcune stecche di “bionde”, vendute in mancanza di autorizzazioni, oltre che in evasione dei diritti doganali. Nei confronti del titolare dell’esercizio commerciale è scattata così una sanzione amministrativa di 26.400 euro.

Guardia di finanza - sequestro tabacchi lavorati (2)-2

Analoghe sanzioni sono state elevate nei confronti di un barbiere di origine extracomunitaria, trovato in possesso di oltre 3 chili di tabacco lavorato estero di contrabbando. Anche in questo caso è stata richiesta la chiusura dell’esercizio commerciale, prevista dal Testo Unico delle Leggi Doganali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendita abusiva di tabacchi lavorati, oltre 19 chili sequestrati dalla guardia di finanza

VeronaSera è in caricamento