Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Temporale sulla Valpolicella: danni alle coltivazioni, case e strade allagate

Pioggia, vento e grandine si sono abbattuti sulla zona che va da San Pietro in Cariano ad Arbizzano, provocando numerosi disagi ai residenti e pesanti conseguenze alle colture

 

Una delle zone più colpite dal violento temporale che si è scatenato nella serata di sabato, è la Valpolicella. Pioggia intensa, forte vento e anche grandine, si sono abbattutti su strade, abitazioni e campagna, provocando numerosi disagi e danni ancora da calcolare (nel video inviatoci da una lettrice, il temporale che si è verificato a Pedemonte). 
Sui gruppi Facebook, in particolare "Valpolicella sicura", sono numerose le segnalazioni di residenti che parlano di forti disagi dovuti all'ondata di maltempo. 

Da San Floriano a Santa Maria, da Arbizzano a Valgatara, gli scarichi non sarebbero riusciti a smaltire l'acqua caduta nella serata del 6 giugno, che si è riversata in strada, rendendo le vie difficili da percorrere anche in auto e allagando soprattutto i piani interrati delle abitazioni. Anche nella zona di Pedemonte si sono verificate situazioni del genere, che hanno portato alla mente dei residenti il disastroso nubifragio del 2018. Si sarebbero inoltre verificati anche alcuni black out.  

Pesanti le conseguenze anche sulle coltivazioni, martoriate dalla grandine che ha colpito soprattutto le zone di San Pietro in Cariano, Fumane e Marano. Devastati interi vigneti, come testimoniano le immagini di alcuni lettori, ma anche altri alberi da frutto hanno risentito del maltempo scatenatosi sabato.  

Cengia, Valpolicella - Danni alle colture-2
Danni alle colture in località Cengia

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento