Valgatara, ristoratore trovato morto con le mani legate: "Siamo sconvolti"

La piccola frazione di Marano di Valpolicella è incredula per quanto accaduto a Luciano Castellani, il titolare della trattoria Agnella trovato morto probabilmente in seguito ad un tentativo di rapina

Valgatara è una piccola frazione di Marano, paese immerso nella Valpolicella, una zona rinomata anche per la sua tranquillità, che nella notte tra martedì e mercoledì è stata scossa dal ritrovamento del corpo di Luciano Castellani, scoperto a letto con le mani legate, probabilmente in seguito ad una rapina. 

"Io passo da qui ogni tanto a prendere le sigarette. Luciano era un tipo un po' taciturno, originario del paese e ben voluto". Ha detto un residente della zona, che sulla questione sicurezza ha poi aggiunto: "Con la scusa che è tempo di vendemmia, dobbiamo tenere porte e finestre ben chiuse per paura di subire furti. Difficile stare tranquilli". 
Un cliente abituale della trattoria Agnella poi confida: "Sono scioccato. Venivo qui a mangiare una volta a settimana, l'ultima volta è stato lunedì. Luciano stava solitamente in cucina, aveva due ragazze che gli davano una mano e non parlava del tentativo di rapina che aveva subito poche settimane fa". Non è la prima volta infatti che dei malviventi provano a fare irruzione nell'attività e nella casa del 72enne deceduto, che qualche settimana fa era riuscito ad allontanare i banditi e da allora teneva in casa un fucile. 

Incredula una dipendente dell'azienda vinicola Campagnola, gestita dal nipote di Luciano: "Siamo tutti sconvolti. Nessuno si aspettava una cosa simile, anche perché questa è una zona tranquilla, dove di questi episodi non ne accadono mai. Lo chiamavano tutti ' Zio Luciano': passava spesso a trovarci e quando noi o lui avevamo bisogno di qualcosa era sempre presente. È incredibile dove può arrivare la malvagità dell'uomo. Aveva solo il suo locale, che una volta gestiva insieme al fratello poi defunto, e lui ci abitava sopra. Cosa poteva avere da rubare? Niente, proprio non capisco cosa potessero volere da lui dei rapinatori".

I parenti di Luciano si sono chiusi in un doloroso e comprensibile silenzio, mentre gli abitanti di Valgatara restano ancora increduli per quanto accaduto. "Era un brav'uomo, non aveva mai dato problemi, anzi...", ha detto la titolare di un'attività del paese. Concetti ribaditi da un'altra donna: "Era dedito al suo lavoro, una brava persona che non aveva mai dato da pensar male". Sulla questione sicurezza, poi la veronese ha aggiunto: "In genere la nostra zona è piuttosto tranquilla, tranne in quei periodi in cui ladri la prendono di mira e la battono quasi casa per casa". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • Nuovi casi positivi al coronavirus nel territorio veronese: tutti i Comuni di appartenenza

  • Si è spento il veronese Alberto Bauli, re del Pandoro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento