menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Arrivo vaccini moderna Italia - foto ISS

Arrivo vaccini moderna Italia - foto ISS

Arrivano prime dosi vaccino Moderna con Poste Italiane. In Veneto dosi Pfizer esaurite

Nel Veronese sono state somministrate già circa 12.300 dosi di vaccino contro Covid-19

«Sono arrivate questa mattina presso la sede dell'ISS 47.000 dosi di vaccino Moderna; dopo le procedure di stoccaggio in una stanza adibita all'interno dell'istituto, saranno distribuite presso le Regioni, trasportate dai furgoni di Poste Italiane». A darne notizia ufficiale sono il ministero della Salute e lo stesso Istituto Superiore di Sanità con una breve nota. Nel frattempo prosegue a pieno ritmo la campagna di vaccinazione in Veneto, dove stando ai dati forniti dalla Regione le dosi del vaccino "Pfizer" sinora ricevute sono di fatto quasi andate esaurite.

Lo ha infatti confermato il governatore del Veneto Luca Zaia: «Abbiamo praticamente ultimato di somministrare le dosi inviateci». La campagna vaccinale è iniziata formalmente il giorno 27 dicembre 2020 (data unica a livello europeo), con la somministrazione di 880 dosi. Successivamente, la campagna è partita di fatto il pomeriggio del 30 dicembre 2020, giorno in cui sono state consegnate le prime forniture di vaccino.

In Veneto risultano somministrate a ieri sera, lunedì 11 gennaio, 74.732 dosi di vaccino "Pfizer", vale a dire il 91,9% delle dosi sin qui ricevute dalla Regione. L'Ulss 9 Scaligera ha somministrato 8.372 dosi di vaccini nel territorio veronese, mentre altre 3.921 sono state somministrate attraverso l'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, per un totale di 12.293 vaccinazioni eseguite. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento