rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Prestito con tassi al 120%, i finanzieri arrestano un imprenditore

Un imprenditore 58enne di Vigasio è stato arrestato per usura dalla Guardia di Finanza che ha anche denunciato un 43enne di Bussolengo

Prestiti a tassi altissimi, in un caso l'usuraio arrivava a pretendere addirittura il 120%. Un imprenditore 58enne di Vigasio è stato arrestato per usura dalla Guardia di Finanza che ha anche denunciato un 43enne di Bussolengo, che aveva addirittura ereditato dal padre l'attività di strizzino. Si tratta di due diversi casi sui quali hanno indagato le Fiamme Gialle.

La vittima dell'usuraio finito in carcere era un giovane imprenditore di Castel d'Azzano, che tra il 2008 e il 2012, a fronte di un prestito di 45mila euro, ne ha restituiti oltre 220mila, per un tasso d'interesse annuo pari al 120%. Lo strozzino, M.F., socio di una ditta di impianti elettrici, non si è fermato nemmeno quando è stato ricoverato in ospedale, continuando a minacciare la sua vittima.


Nel secondo caso i finanzieri hanno appurato che il 43enne di Bussolengo, R.D., aveva "rilevato" i clienti del padre, dedito alla concessione di prestiti a tassi elevali e già condannato per detenzione e traffico di stupefacenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prestito con tassi al 120%, i finanzieri arrestano un imprenditore

VeronaSera è in caricamento