Cronaca Borgo Roma / Via Bengasi

Uscito dal carcere, riprende a spacciare eroina in parco San Giacomo

I carabinieri sapevano che aveva rimesso in piedi la propria "attività" e, al termine di un servizio di osservazione, hanno solo atteso il momento giusto per arrestarlo nuovamente

I carabibieri del nucleo operativo di Verona sono intervenuti nel pomeriggio di venerdì nella zona di parco San Giacomo, di fronte all’ospedale di Borgo Roma, per bloccare il traffico di eroina messo in piedi da alcuni spacciatori nordafricani della zona. 
Dopo alcune ore di osservazione, i militari sono riusciti ad indivduare il loro sospettato: si tratta di un tunisino che aveva costrutito il proprio mercato in quel parco da quando è uscito di prigione, ovvero il 13 gennaio scorso. 
Arrestato dallo stesso reparto alla fine di agosto, appena tornato in libertà si è subito ricostruito il giro di clienti monopolizzando la zona. I carabinieri sapevano che l'uomo era "tornato in affari" e il servizio infatti era finalizzato proprio a toglierlo di nuovo dal mercato, mettendo fine al suo traffico.
M.S. quindi, classe 1981 originario della Tunisia, è stato visto dagli uomini dell'Arma mentre vendeva 1.2 grammi di eroina ad una ragazza veronese dell'89, dopo esser salito sulla sua auto, a lato del parco. Ben conoscendo l'astuzia del pusher, i carabinieri non hanno atteso l'arrivo di altri acquirenti, intervenendo e fermandolo. M.S. allora ha giocato la sua ultima carta cercando la fuga a piedi, venendo però bloccato dopo un breve inseguimento all'interno del parco. 
Arrestato per traffico di stupefacenti, nella mattinata di sabato è comparso davanti al giudice per il ritodirettissimo: convalidato l'arresto, nei suoi confronti è stato disposto l’obbligo di firma due volte al giorno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uscito dal carcere, riprende a spacciare eroina in parco San Giacomo

VeronaSera è in caricamento