menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

È nata la Ulss unica per la provincia di Verona, è la numero 9 Scaligera

Il direttore generale è Pietro Girardi che ha detto: "I pazienti non si accorgeranno di nulla. Tutti i servizi territoriali restano invariati"

La riforma regionale che ha portato ad una riduzione delle Ulss è diventata realtà con l'anno nuovo. In provincia di Verona si passa da tre ad un'unica Ulss con sede legale in via Valverde 42. I direttori di tutte le Ulss regionali sono stati già presentati; per la Ulss veronese, che prende il nome di Scaligera e che è la numero 9, la guida scelta è quella del dottor Pietro Girardi, coadiuvato dal direttore amministrativo Giuseppe Cenci, dal direttore sanitario Denise Signorelli e dal direttore servizi socio sanitari Raffaele Grottola.

ULSS_9_logo-2

Per i cittadini nulla cambia dato che ospedali e servizi restano, si legge nella presentazione della Ulss Scaligera, la rete ospedaliera e distrettuale non viene toccata, ed è integrata con l’assistenza territoriale, medicine di gruppo, ospedali di comunità, hospice e unità riabilitative territoriali. Sono previsti un programma per la riduzione delle liste d’attesa e il completamento del fascicolo sanitario elettronico, che agevolerà diagnosi più veloci e ridurrà esami inutili. "I pazienti non si accorgeranno di nulla - ha dichiarato Pietro Girardi - dato che tutti i servizi territoriali restano invariati. Avere più di un ospedale ci consentirà una maggiore flessibilità. È questa un’occasione per riorganizzare e rendere più efficiente la sanità veneta".

La Scaligera si pone come garante della salute dei cittadini erogando le prestazioni in modo appropriato e uniforme, si legge ancora nella presentazione, attraverso la programmazione locale intesa come confronto e presa in carico delle richieste del territorio, ne intercetta i bisogni grazie a un lavoro di sinergia con tutti gli interlocutori coinvolti nella tutela della salute. Prestazioni e servizi risponderanno alle reali esigenze dei cittadini migliorando qualità ed efficienza nella gestione in un’ottica di razionalizzazione così contribuendo a garantire la sostenibilità economica del sistema sanitario regionale.

Le vecchie Ulss diventano Distretti, ognuno dei quali potrà contare su un coordinatore sanitario. Le aziende sanitarie hanno una conferenza dei sindaci di Ulss ciascuna, mentre le conferenze attuali diventano comitati dei sindaci di distretto e mantengono le competenze in materia di bilancio sociale, piano di zona, non autosufficienza, schede di dotazione territoriale e medicine di gruppo integrate.

cartina veneto post riforma-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento