Cronaca Porto San Pancrazio / Lungadige Galtarossa

Autisti-bigliettai. Ugl: "Inutile legittimare un accordo bocciato dai lavoratori"

L'azienda pare intenzionata a far partire il servizio, nonostante il no condiviso anche dal sindacato, che chiede alla dirigenza di far ripartire le trattative per un nuovo accordo

"Prendiamo sempre più coscienza che qualcuno non conosce la parola rassegnazione e che non riesce a farsi una ragione, continuando ad insistere e farci purtroppo anche assistere ad assurdi tentativi, a volte anche col fare terroristico, di legittimare un accordo che per ben due volte è stato bocciato al referendum dai lavoratori di Atv".

A scrivere è Alfio Stefano Pennisi, segretario provinciale degli autoferrotranvieri Ugl. Nel febbraio 2015 e nel febbraio scorso i lavoratori si sono espressi negativamente sull’accordo per la vendita e controllo dei biglietti a bordo degli autobus di Atv. Una bocciatura condivisa da Ugl e che aveva il sapore della beffa, perché il servizio sembra parta comunque. E Pennisi racconta: "Assistiamo nei corridoi di Atv ad una raccolta di firme, che i più informati ci dicono essere stata consigliata e comandata da alcuni segretari o sindacalisti delle sigle firmatarie dell’accordo, pensando di poter bypassare la bocciatura dell'accordo e che spesso queste firme siano state e vengono tutt’ora estorte anche con l’inganno, raccontando ai lavoratori che è meglio firmare se non si vuole essere obbligati a vendere i biglietti a gratis".

"Si ignora - continua Pennisi - che il contratto nazionale prevede la vendita a bordo dei titoli di viaggio, ma è anche vero che rimanda e deroga agli accordi di secondo livello-aziendali, l’applicazione e la regolamentazione di tale funzione, rendendo impossibile per Atv l’applicazione di una attività senza che vi siano quindi i necessari accordi con le organizzazioni sindacali e l’approvazione dei lavoratori".

L'Ugl diffida la direzione di ATV nell’applicare l’accordo, visto che è stato respinto dai lavoratori, e chiede ai vertici dell'azienda di trasporto di convocare tutte le organizzazioni sindacali a tavoli uniti, al fine di trovare un nuovo accordo che piaccia ai lavoratori e che consenta di far partire un servizio che l'Ugl stessa ritiene fondamentale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autisti-bigliettai. Ugl: "Inutile legittimare un accordo bocciato dai lavoratori"

VeronaSera è in caricamento