menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ufficio Antiusura, in un anno hanno chiesto aiuto 1.800 cittadini e 25 imprese

Tra le attività svolte c'è stato l'ascolto degli utenti ricevuti in privato e l'organizzazioni di incontri con la cittadinanza e le scuole del territorio scaligero

Sono quasi 1.800 i cittadini che hanno contattato l'Ufficio Antiusura di Verona nel corso del 2017. Tra le attività svolte dall'ufficio c'è stato l'ascolto degli utenti ricevuti in privato, ma anche incontri con la cittadinanza e le scuole del territorio scaligero; incontri che hanno avuto come temi il fenomeno dell'usura e la pericolosità del gioco d'azzardo. Tutte attività svolte gratuitamente.

Lo scorso anno, 25 piccole imprese (17 dalla provincia e 8 dalla città) in difficoltà economiche hanno chiesto informazioni e consigli all'ufficio comunale per non cadere nelle mani degli usurai; e 5 i titolari d'impresa che si sono rivolti al Comune dopo aver già sporto denuncia alla magistratura. A seconda dei casi, l'Ufficio Antiusura ha supportato i cittadini affinchè non diventassero vittime degli usurai, segnalando la possibilità di accedere agli aiuti dello Stato o indirizzandoli verso organismi preposti a fornire finanziamenti, assistenza e consulenza. Quando necessario, l’ufficio ha assistito le vittime nella redazione e nella presentazione della denuncia.

Quasi 700 sono stati gli incontri-dibattito promossi nelle scuole medie e superiori di Verona e provincia, ma anche in enti e istituzioni, supportati dalla distribuzione di due opuscoli informativi, un vademecum per le aziende e una guida sui rischi del gioco d’azzardo. Buona parte delle difficoltà economiche è causata da ludopatia, il gioco d'azzardo effettuato negli apparecchi di bar, tabaccherie e sale slot ma anche con i gratta e vinci. Nel 2016, a Verona, risultavano 1.818 apparecchi slot, presenti in 452 esercizi, 389 i vlt nelle 32 sale cittadine. Sempre nello stesso anno sono stati venduti 5.507.105 gratta e vinci, per oltre 29 milioni di euro.

Il bilancio dell'attività svolta nel 2017 - ha commentato l'assessore ai tributi Francesca Toffali - conferma quanto usura e gioco d'azzardo siano purtroppo ancora attuali, due fenomeni di uno stesso cerchio vizioso dal quale, una volta entrati, è difficile uscirne. L'Ufficio Antiusura del Comune è capofila a livello nazionale per il servizio di ascolto e supporto ai cittadini, una realtà unica in Italia, come dimostrano le richieste che arrivano da fuori regione. La volontà dell'amministrazione è di aiutare il più possibile, anche nel concreto, gli utenti, siano essi vittime dell'usura o del gioco d’azzardo, con soluzioni mirate e individuali, anche per il pagamento dei tributi dovuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento