menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

Pfas e Processo Miteni, Mitsubishi costituita tra i responsabili civili

Insieme alla società lussemburghese International Chemical Investors, in caso di condanna, dovrà risarcire i danni provocati dall'inquinamento

Ieri, 8 giugno, si è svolta nel tribunale di Vicenza, l'udienza del processo contro i vertici della Miteni per l'avvelenamento delle acque di alcuni comuni delle province di Vicenza, Verona e Padova con sostanze di tipo Pfas. Processo in cui anche la Regione Veneto si era costituita parte civile, facendosi rappresentare dall'avvocato Fabio Pinelli. All'udienza di ieri si sono concluse regolarmente le formalità della citazione dei responsabili civili e il giudice ha dato atto della correttezza delle notifiche effettuate dalla Regione Veneto al fallimento di Miteni. Le notifiche riguarda le due società controllanti di Miteni, la società giapponese Mitsubishi Corporation, che ieri ha depositato l'atto di costituzione, e la società lussemburghese International Chemical Investors. Come annunciato ieri anche dal presidente del Veneto Luca Zaia, è stato dunque ottenuto che le due multinazionali, in caso di accertamento della responsabilità degli imputati, dovranno garantire con il proprio patrimonio il risarcimento dei danni procurati. Il processo è stato infine rinviato all'udienza del 12 ottobre 2020, per l'inizio della discussione dell'udienza preliminare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento