Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gettati nel cassonetto dentro a due sacchi: trenta uccellini appena nati salvati a Verona

Sono stato trovati in mezzo alla paglia, dopo essere stati strappati dai loro nidi, da una cittadina di Borgo Venezia, che ha avvisato l'Oipa. I pulcini sono stati portati nel centro di recupero di Lazise, ma alcuni potrebbero non farcela. Scatterà ora una denuncia all’autorità giudiziaria

 

Due sacchi gettati in un cassonetto con una trentina di uccelli nati pochi giorni prima e ancora vivi, immersi nella paglia, sono stati trovati da una cittadina di Borgo Venezia, a Verona. Due sacchi dai quali provenivano i pigolii disperati dei piccoli strappati ai loro nidi, affamati e ancora implumi, immediatamente messi in salvo dalle guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) di Verona che ora, quali pubblici ufficiali, presenteranno una denuncia all’autorità giudiziaria.

L’Oipa cerca testimoni, garantendo loro l'anonimato, che aiutino a individuare l’autore del reato.

«Abbiamo portato i piccoli al Centro recupero fauna selvatica di Lazise dove ora stanno cercando di salvarli - racconta Massimiliano D’Errico, comandante del nucleo delle guardie zoofile Oipa di Verona -. È la prima volta che ci capita una cosa del genere: visto il contenuto dei due sacchi, siamo rimasti attoniti. Qualcuno ha deciso di fare piazza pulita dei nidi forse durante il rifacimento di tetti delle abitazioni forse ignaro di commettere un reato punito dal codice penale. Ad un primo esame sembrerebbero tutti storni, specie che nidifica in tetti, grondaie e cornicioni. Ringraziamo la cittadina che ci chiamati per soccorrere gli animali colpiti da questo gesto illecito e immorale e speriamo che l’immediato intervento possa portare alla sopravvivenza di questi piccolini. Chiediamo a chi ha visto qualcosa di comunicarcelo anche in forma anonima. Siamo decisi di andare a fondo, come sempre: cerchiamo l’autore di questo abominio per depositare una denuncia circostanziata. Chi sa ci scriva a info.guardieverona@oipa.org».

L’Oipa ricorda che i nidi sono protetti dalla legge e da alcuni Regolamenti comunali che ne vietano la distruzione. In caso di uccisione di pulli si configura la fattispecie dell’art. 544 bis del Codice penale (Uccisione di animali). La Direttiva CE 147/2009 sulla Conservazione degli uccelli selvatici, recepita in Italia dalla legge n. 157/1992 (e successive modifiche), intitolata Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio, all’art. 3 (Divieto di uccellagione) afferma inoltre che “è vietata in tutto il territorio nazionale ogni forma di uccellagione e di cattura di uccelli e di mammiferi selvatici, nonché il prelievo di uova, nidi e piccoli nati”, e, all’art. 21 comma 1, lettera o) e vieta “di prendere e detenere uova, nidi e piccoli nati di mammiferi ed uccelli appartenenti alla fauna selvatica”. Quest’ultima è considerata patrimonio indisponibile dello Stato ed è tutelata nell’interesse della comunità nazionale e internazionale come recita l’art. 1 della stessa legge. La violazione del divieto di distruggere o danneggiare i nidi intenzionalmente e disturbare la fauna selvatica durante il periodo della riproduzione comporta dunque l’applicazione di sanzioni penali e amministrative.

«Non ci sono parole per commentare quel che è accaduto - prosegue Massimiliano D’Errico -. Forse non tutti ce la faranno, anche se gli esperti del centro recupero di Lazise, gestito da Progetto Natura Verona Lago Odv, come sempre ce la metteranno tutta. Cogliamo l’occasione per rilanciare il loro appello per la ricerca di balie che possano aiutare ad allevare a mano questi piccoli».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento