menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ubriaco, svaligia le auto parcheggiate fuori dall'ospedale di borgo Roma

A mettere gli uomini della questura sulle sue tracce è stato un cittadino che ha accompagnato la moglie al Policlinico Rossi e che ha deciso di restare in auto dopo averne notata una con il finestrino infranto

Aveva preso di mira le auto parcheggiate fuori dal Policlinico Rossi, a Verona, ma una segnalazione ha portato la polizia di Stato sulle sue tracce e al suo conseguente arresto. 

Era la sera di lunedì, quando il cittadino marocchino si è accanito sulle vetture parcheggiate in piazzale Scuro, dalle persone che a vario titolo si recano all'ospedale di borgo Roma, per appropriarsi degli oggetti presenti all'interno. Se da una parte la scelta del luogo lo ha agevolato il mettere a segno i furti, ben sapendo che chi lascia la macchina all’interno di quel piazzale ne avrà almeno per una buona mezz’ora, dall’altra ha firmato la sua condanna essendo stato notato da un cittadino cinese che tentava di cercare parcheggio.
Dopo aver notato il vetro infranto di una Fiat 500 infatti, il testimone ha deciso di far scendere dall'auto la moglie, che nel frattempo è andata in ospedale, mentre lui è rimasto a bordo del veicolo. Da lì, poco dopo, ha notato il nordafricano che si avvicinava ad un'Alfa Romeo, per poi spaccare il vetro e sporgersi all'interno. 
Partita la chiamata alla sala operativa del 113, il richiedente è stato raggiunto da un equipaggio di volante. Vista l'auto delle forze dell'ordine, anche un altro testimone si è fatto avanti, affermando di aver udito poco prima il rumore di vetri infranti e di aver visto in tizio che si protendeva dentra un Renault Scenic, parcheggiato nel medesimo piazzale. 

I poliziotti allora inizialmente hanno riscontrato il danneggiamento delle auto segnalate, trovando all'interno di una di queste anche tracce di sangue, e scoperto che era stato mandato in pezzi anche il finestrino di una Opel Corsa. Palesemente ubriaco e con delle piccole ferite da taglio alla mano destra, provocate dalla rottura dei vetri, il ladro è stato rintracciato poco dopo. L'uomo è stato sottoposto a perquisizione e trovato in possesso di un martelletto frangivetro, mentre nelle immediate vicinanze, nascosta tra i rami di un albero, è stata trovata una borsa con all’interno un kit attrezzi per riparazioni, un telecomando, due chiavette USB ed un navigatore satellitare: tutti oggetti sottratti dalle auto prese di mira, così come accertato dai proprietari. 
K.G., marocchino classe 1979 e residente in provincia di Bergamo, è risultato essere pluripregiudicato per reati contro il patrimonio ed in materia di stupefacenti e al momento dell'arresto era gravato anche dalla misura dell’obbligo di presentazione quotidiana presso la caserma carabinieri di Stezzano, nel bergamasco. 
Portato in tribunale pr la direttissima, per l'uomo è scattata la misura della custodia cautelare in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento