menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ubriaco in pizzeria, non vuole uscire e minaccia tutti con una bottiglia di vetro

Il gestore voleva chiudere il locale ma l'uomo non voleva saperne di andarsene e quando i dipendenti si sono rifiutati di dargli ancora da bere è andato su tutte le furie

Oramai ubriaco, non voleva saperne di uscire dalla pizzeria, ma del resto i dipendenti non intendevano dargli ancora da bere, così ha iniziato a minacciare i presenti con una bottiglia, finendo nei guai.
Un pluripregiudicato tunisino, nato nel 1983, è stato arrestato dai carabinieri della stazione di San Bonifacio nella notte tra lunedì e martedì, con l'accusa di esistenza a pubblico ufficiale mediante violenza e minaccia. 

Tutto è iniziato quando alla centrale operativa dei militari è arrivata una richiesta di intervento da parte del gestore di una nota pizzeria di San Bonifacio, che segnalava la presenza nel locale di un nordafricano in chiaro stato di ubriachezza, che non voleva andarsene nonostante fosse ormai arrivata l'ora di chiusura. In più, davanti al rifiuto dei dipendenti di servirgli ancora da bere, questo ha perso le staffe, iniziando a minacciare ed insultare i presenti brandendo una bottiglia in vetro. 

Non appena gli uomini dell'Arma sono arrivati sul posto, il tunisino si è rinchiuso nei bagni dell'attività. Le forze dell'ordine però alla fine sono riuscite a farsi aprire la porta e, con non poche difficoltà dopo vari strattonamenti e calci ricevuti, ad accompagnarlo in caserma dove è stato dichiarato ufficialmente in stato di arresto.
Da un controllo più approfondito inoltre, durante il quale sono emerse le sue numerose pendenze penali e di polizia, i carabinieri si sono accorti che il nordafricano era sottoposto all'Avviso ora di pubblica sicurezza. 

Così, dopo aver trascorso il resto della nottata nella camera di sicurezza, l'uomo è stato condotto davanti al giudice del tribunale di Verona, che ne ha convalidato l’arresto e lo ha rimesso in libertà, imponendogli l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, l’obbligo di dimora nella provincia di Verona e la permanenza in casa dalle 22.00 alle 7.00.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento