Ubriaco ruba un autocarro e si va a schiantare contro un albero: 23enne ferito, ora in carcere

Gesto sconsiderato di un giovane, già pregiudicato, che ha prima rubato un mezzo da 35 quintali per poi condurlo totalmente ubriaco (tasso alcolemico oltre 3 g/l) fino all'incidente

La polizia stradale sul luogo dell'incidente e l'autocarro ribaltato a Legnago

Brutta avventura per un pregiudicato italiano di 23 anni che nella notte tra giovedì 6 e venerdì 7 dicembre, è andato a schiantarsi contro un albero a Vigo di Legnago, in via don Minzoni, con un autocarro che aveva rubato da un parcheggio del Comune, distante appena un chilometro dal luogo dell'incidente.

L'uomo, verso l'una di notte, era entrato in un parcheggio nella disponibilità del Comune di Legnago in via XX Settembre. Dopo aver infranto una porta ed aver prelevato le chiavi di un autocarro da 35 quintali parcheggiato all'interno, aveva lasciato il piazzale diretto verso Vigo. Dopo circa un chilometro, tuttavia, l'uomo ha perso il controllo del mezzo e si è schiantato contro un albero, ribaltando il mezzo e rimanendo incastrato all'interno, tanto che per liberarlo sono dovuti intervenire i vigili del fuoco.

Una volta estratto dalle lamiere e soccorso, l'uomo è stato arrestato dalla polizia stradale di Verona che lo ha poi piantonato durante il ricovero in ospedale, dove è stato curato e refertato con 25 giorni di prognosi. L'incidente ha avuto come concausa certa lo stato di ebbrezza alcoolica in cui l'uomo è stato trovato: oltre 3 grammi per litro. Da notare come superando la soglia dello 0,8 in caso di guida l'illecito sia di natura penale. La direttissima si è svolta questa mattina ed il Giudice, Rita Caccamo, ha disposto la misura cautelare della custodia in carcere.

«Credo sia intuibile a chiunque che è stato solo per puro caso che quanto avvenuto stanotte non abbia avuto esiti molto più gravi. - ha commentato il Comandante della polizia stradale di Verona Girolamo Lacquaniti - Un tasso alcoolemico di oltre 3 grammi litro non permette ad alcun soggetto di poter condurre un mezzo in modo minimamente sicuro. Lascio soltanto immaginare le conseguenze di un urto frontale con un mezzo di 35 quintali di fatto privo di controllo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dall'8 all'11 novembre 2019

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Accoltellamento a Verona, un uomo in ospedale: caccia agli aggressori

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Caso Balotelli, la Curva Sud dell'Hellas Verona risponde con ironia

Torna su
VeronaSera è in caricamento