menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ubriaco accoltella 2 vicini di casa, fermato 30enne

Ubriaco accoltella 2 vicini di casa, fermato 30enne

Ubriaco accoltella 2 vicini di casa, fermato 30enne

In manette cittadino marocchino per lesioni aggravate ai danni di connazionali

Arresto e convalida immediata per Z.E.M., 30enne, cittadino di origini marocchine, fermato nella serata dello scorso 3 aprile dai carabinieri di Oppeano e del nucleo radiomobile della Compagnia di Legnago, disponendone la liberazione in attesa dell’udienza dibattimentale fissata per il prossimo 27 aprile.

L’uomo era stato arrestato con l’accusa di lesioni personali aggravate procurate a due suoi connazionali con un coltello di quelli abitualmente usati in agricoltura. I fatti sono accaduti intorno alle  20e30 a Vallese, nei pressi di un condominio in via Spinetti. L’aggressore, in stato di ebrezza alcolica, ha prima aggredito A.A., 42enne, operaio agricolo di origini marocchine, sferrandogli due fendenti: uno al collo ed uno all’addome.

Il primo colpo è stato miracolosamente evitato procurando solo un piccolo taglio sotto l’orecchio sinistro, il secondo è andato a segno ma, forse proprio la particolare conformazione di questo tipo di coltelli ha evitato una lesione ben più grave di quella di fatto procurata. L’uomo, ferito, è scappato rifugiandosi nell’appartamento che condivide con il fratello e nello stesso condominio, dove risiede anche l’aggressore. La furia del 30enne non si è placata e a farne le spese è stato un altro cittadino marocchino, A.S., 33enne, residente a Oppeano, che si trovava in visita ad alcuni suoi parenti e che ha subito la stessa aggressione, due colpi diretti: uno al collo e l’altro all’addome. Anche in questo caso le lesioni che hanno interessato la spalla sinistra e l’emitorace destro non hanno avuto esiti gravi. Sconosciute le esatte cause della lite ma, secondo gli inquirenti, a far scattare il raptus di violenza sono state le eccessive bevande alcoliche ingerite dall'aggressore. Per l'uomo si sono aperte le porte del carcere di Montorio Veronese.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento