Turista morto in acqua a Lazise. Si cerca l'imbarcazione che lo ha travolto

In attesa che l'esame autoptico stabilisca le cause della morte del 66enne, le forze dell'ordine continuano a cercare la barca o il natante protagonista dello scontro in cui ha perso la vita Peter Franz Wismeth

Immagine d'archivio

È stata disposta per il 5 ottobre l'autopsia sul sul corpo di Peter Franz Wismeth, il 66enne tedesco morto nelle acque di Lazise nel pomeriggio di lunedì. La salma è a disposizione dell'istituto di meidicina legale di borgo Roma, il quale dovrà stabilire se il turista è morto a causa delle ferite riportate in quello che ha tutta l'aria di essere uno scontro con un'imbarcazione o se a stroncarlo è stato un malore. 
La vittima infatti soffriva di alcuni disturbi di salute e l'esito dell'esame autoptico potrebbe quindi cambiare il capo d'accusa ai danni del conducente della barca che sembra averlo travolto. Su questo punto stanno lavorando i carabinieri, coadiuvati dalla squadra nautica della Polizia e dalla guardia costiera: una ricerca piuttosto complicata, che vede le forze dell'ordine esaminare natanti e imbarcazioni del Garda, con un'attenzione particolare a quelle della parte meridionale del lago. 

Una vicenda che presenta quindi ancora diversi punti da chiarire, compreso il punto esatto dello scontro: il corpo del 66enne è stato avvistato a circa 40 metri dalla riva, tra il Porto vecchio e la Dogana veneta di Lazise. In quel tratto le imbarcazioni possono transitare, anche se a velocità ridotta, ma il cadavere potrebbe anche essere stato spostato dalle onde.
Il lavoro delle forze dell'ordine quindi sembra ben lontano dall'essere terminato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • «Alleanza contro Covid-19», i primi frutti delle ricerche fatte a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento