rotate-mobile
Cronaca San Michele / Via San Michele

Chiesto rinvio a giudizio per Filippo Turetta, udienza preliminare a luglio

È accusato di omicidio volontario aggravato, sequestro di persona, occultamento di cadavere e stalking e rischia l'ergastolo

Il pubblico ministero Paolo Petroni ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per Filippo Turetta, il ragazzo ritenuto responsabile del femminicidio di Giulia Cecchettin. E l'udienza preliminare, come riferito da Ansa, è stata fissata dalla gup di Venezia Claudia Maria Ardita per il 15 e il 18 luglio prossimi.

Tra poco più di un mese, dunque, Turetta uscirà dal carcere di Montorio, dove è rinchiuso dal novembre scorso, per comparire in un'aula di tribunale da imputato e rispondere delle diverse accuse a lui rivolte. A maggio, si erano concluse le indagini ed il 22enne ora rischia l'ergastolo se sarà giudicato colpevole dei reati a lui contestati. Per il pm, Filippo Turetta è colpevole dell'omicidio volontario di Giulia Cecchettin. Un reato aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dall'efferatezza. Inoltre, il giovane padovano è accusato anche di sequestro di persona, occultamento di cadavere e stalking.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiesto rinvio a giudizio per Filippo Turetta, udienza preliminare a luglio

VeronaSera è in caricamento