Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Borgo Trento / Piazzale Aristide Stefani

Mostrata al Polo Confortini una nuova tecnica per asportare il tumore del colon e del retto

Questo tipo di tecnica è denominata Resezione Endoscopica Sottomucosa (in sigla ESD) perchè permette l’asportazione anche della parte sottostante (la sottomucosa) con più ampie possibilità di cura definitiva

L’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona, da tempo collegata con le più importanti realtà mediche e chirurgiche internazionali, ha iniziato dal 2012 una collaborazione continuativa tra il Servizio di Chirurgia Endoscopica, ubicato presso il Polo Chirugico “Confortini”, e il Servizio di Endoscopia Digestiva del Policlinico di Kobe, una delle eccellenze giapponesi nella terapia endoscopica dei tumori digestivi.
Il Live Endoscopy, che si è tenuto venerdì 8 maggio, con collegamenti in diretta tra le Sale Operatorie del Polo Chirurgico dell’Ospedale Maggiore di Borgo Trento e il Centro Marani dell’ospedale stesso, è incentrato su un nuovo tipo di trattamento endoscopico che permette l’asportazione in un unico pezzo dei tumori del colon e del retto, senza per questo avere necessità di ricorrere all’intervento chirurgico.
Questo tipo di tecnica è denominata Resezione Endoscopica Sottomucosa (in sigla ESD) perchè permette l’asportazione non solo del tumore ma anche della parte sottostante (la sottomucosa) con più ampie possibilità di cura definitiva.
Pur essendo una tecnica difficile da apprendere, è necessario infatti eseguire regolari stage in Giappone dove la tecnica è nata, ha un’ampia possibilità di applicazione in Occidente dove il tumore colo-rettale e il polipo adenomatoso, precursore del tumore, è di frequente riscontro.
Questa tecnica oltre a permettere di diminuire drasticamente le recidive nei polipi benigni di ampie dimensioni, offre anche la possibilità di cura definitiva per via endoscopica in certi casi di neoplasie maligne iniziali.
Ospite dell’Evento il Prof. Takashi Toyonaga, responsabile dell’Endoscopia del Policlinico di Kobe, uno dei massimi esperti giapponesi nel trattamento endoscopico dei tumori digestivi.
Durante il Live, inoltre, sono intervenute alcune tra le maggiori personalità in ambito di Endoscopia Digestiva sia nazionale che internazionale. In Occidente, sia in Italia che all’estero, per il particolare tipo di training necessario, sono assai pochi i centri che eseguono questo tipo di trattamento.

Il Servizio di Chirurgia Endoscopica del Polo Chirurgico “Confortini”, è una delle rare realtà sia italiane che estere, che applica sistematicamente, nella persona del dott. Francesco Lombardo, incarico professionale funzionale di Terapia Endoscopica dei Tumori Digestivi, questo tipo di tecnica con risultati assai promettenti.
Questo è da considerarsi un ulteriore avanzamento delle nuove terapie che permettono un approccio meno invasivo, minori giorni di degenza e, non da ultimo, un risparmio per la comunità intera in termini di costi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mostrata al Polo Confortini una nuova tecnica per asportare il tumore del colon e del retto

VeronaSera è in caricamento