Dopo una notte di festa, si tuffa nel lago e non riemerge: rianimata, la 20enne è grave

L'hanno trovata esanime sotto il pontile da cui si sarebbe buttata: le manovre di rianimazione dei carabinieri sono durate circa 10 minuti, prima dell'arrivo del 118 che ha poi proseguito per altri 20, fino a quando il suo cuore non è ripartito

I carabinieri di Peschiera in località Pioppi

L'allarme alla centrale operativa dei carabinieri della compagnia di Peschiera del Garda è arrivato all'alba di mercoledì da un ispettore della Polaria di Villafranca libero dal servizio e in vacanza sul Garda, il quale ha riferito di aver incontrato un gruppo di giovani in località Pioppi intento a cercare una ragazza che poco prima si era tuffata nel lago e non era più riemersa.
Sul posto si è dunque precipitata una pattuglia dell'aliquota radiomobile, che insieme ad una amico della giovane e allo stesso ispettore, hanno iniziato a cercarla nella zona. S. D., bellunese classe 2000 e barista, è stata individuata pochi minuti dopo esanime sotto un pontile dal quale si era tuffata poco prima. L'agente Polaria si sarebbe tuffato immediatamente, riuscendo a riportarla in spiaggia: il battito cardiaco era però assente e gli uomini dell'arma hanno dato il via alle manovre di rianimazione cardiopolmonare. Sono andati avanti per circa 10 minuti, alternandosi e senza mai fermarsi, fino all'arrivo del personale del 118 giunto con un'ambulanza medicalizzata, che ha continuato a rianimarla per altri 20 minuti, fino a quando il suo cuore non è ripartito: S.D. è stata dunque trasportata d'urgenza all'ospedale Pederzoli, dove è stata ricoverata in gravi condizioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli accertamenti eseguiti successivamente dai militari, avrebbero poi permesso di ricostruire quanto accaduto. I giovani, riferisce l'Arma, avrebbero passato una notte spensierata ed esagerato con i superalcolici, dopodiché avrebbero deciso di fare un bagno nel Garda. Giunti in spiaggia, avrebbero notato che S.D. era sparita e non riuscendo a rintracciarla hanno cercato aiuto. L'ipotesi è che la giovane abbia battuto la testa nel fare un tuffo e abbia perso i sensi, rimanendo sott’acqua per diversi minuti prima di essere trovata.

Purtroppo la 20enne è deceduta lo stesso pomeriggio in ospedale
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Usa foto di un 15enne morto per adescare 13enne. Scoperto da Le Iene

  • Neonato abbandonato a notte fonda sul ciglio della strada a Verona

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento