Truffa dello specchietto sventata a Verona: denunciato un uomo di 35 anni

Ha avvicinato un 43enne in via Porto San Pancrazio, a Verona, ma quando è stato il momento di ritirare i soldi è scappato per aver notato l'auto della Polizia. Il cittadino allora si è insospettito e si è rivolto al 113

Una Volante della Polizia sul luogo della truffa

Voleva raggirare un 43enne veronese, ma alla vista della Polizia di Stato si è dato alla fuga. 
È successo intorno alle 11 di domenica mattina in città, in via Porto San Pancrazio, dove un cittadino veronese ha sentito un forte rumore provenire dall’esterno della sua utilitaria mentre era alla guida. Notando che il conducente dell’automobile al seguito, lampeggiando i fari, lo invitava ad accostarsi, si è fermato e lo ha raggiunto.

Il guidatore in questione, un 35enne nato a Chieti e residente in Sicilia, accompagnato da una donna che sedeva nel lato passeggero, non avrebbe perso tempo e, dopo aver addebitato al malcapitato la rottura dello specchietto della propria auto, lo ha convinto a pagare la somma di 350 euro per il presunto danno causato.

Essendo sprovvista di denaro contante, la vittima si è recata presso uno sportello bancomat per prelevare la somma richiesta, ma l’operazione non è andata a buon fine. Infatti, il truffatore, che nel frattempo ha percorso lo stesso tragitto a bordo del proprio veicolo, si è dato alla fuga alla vista di una Volante della Polizia che si trovava in zona per il servizio ordinario di controllo del territorio.

Insospettito dall’atteggiamento dell’uomo, il veronese non ha esitato a chiamare il 113 e a recarsi presso gli uffici di lungadige Galtarossa per esporre formale querela.
Nel frattempo, in Piazza Madonna di Campagna, i poliziotti delle Volanti, dopo la segnalazione diramata dalla centrale operativa, hanno individuato il soggetto che un’ora prima aveva tentato la “truffa dello specchietto”.

L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio, è stato successivamente accompagnato in Questura per la notifica di un ordine di carcerazione e di un decreto di sospensione del medesimo, che erano stati emessi in precedenza nei suoi confronti.
Riconosciuto dal cittadino veronese come l’autore della tentata truffa ai suoi danni, il 35enne italiano è stato denunciato in stato di libertà.

In merito alle “truffe con lo specchietto”, la Questura di Verona ricorda alcuni consigli utili per prevenire episodi simili: rivolgersi sempre alle forze dell’ordine e chiamare il 113 o il 112; prendere tempo, dichiarando di non avere con sé denaro contante; non recarsi mai presso uno sportello bancomat insieme al truffatore; non fornire mai l’indirizzo di casa o il proprio numero di telefono; stare sempre in guardia, tenendo presente che spesso i truffatori sono accompagnati da una donna o da un giovane complice e che le vittime sono spesso scelte tra persone che viaggiano da sole in macchina.

Potrebbe interessarti

  • Capelli verdi dopo il bagno in piscina? Ecco le cause e i rimedi fai da te

  • La clinica San Francesco riconosciuta dalla regione Veneto come “struttura di riferimento per la chirurgia robotica ortopedica”

  • Mercato immobiliare sul Lago di Garda: Peschiera al primo posto

  • "Benvenuto": il nuovo vademecum su come affrontare i primi due anni del bebè

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 16 al 18 agosto 2019

  • Maestre diplomate ma non laureate, a Verona centinaia rischiano il posto

  • Due persone investite da due diversi treni sulla linea Verona - Brescia

  • Donna fermata mentre va al lavoro da un giovane che le mostra i genitali

  • Prima il boicottaggio, poi la manifestazione contro Polunin in Arena

  • Frontale tra auto sul lago: morta una persona e altre due rimaste ferite

Torna su
VeronaSera è in caricamento