Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Maxi-truffa da 135 milioni sui prodotti Bio, fermati 6 veronesi

L'organizzazione avrebbe sfornato in più province false certificazioni senza che la merce fosse stata realmente biologica. L'avevano piazzata sul mercato a prezzi elevati, guadagnando sulla differenza di prezzo

False certificazioni per prodotti biologici e fatture per operazioni inesistenti per oltre 135 milioni di euro. E' la maxi truffa nel mercato biologico individuata dai militari della guardia di finanza di Cagliari che oggi hanno eseguito 16 ordinanze di custodia cautelare, quattro in carcere e 12 agli arresti domiciliari, nei confronti di una organizzazione, che aveva come vertice una azienda di Capoterra, che avrebbe sfornato false certificazioni relative a prodotti biologici, destinati al mercato nazionale ed europeo, senza che i prodotti fossero realmente "bio". In questo modo sarebbero stati piazzati sul mercato prodotti a prezzi elevati, guadagnando sulla differenza di prezzo tra i prodotti biologici e quelli convenzionali. Le ordinanze sono state notificate oltre che in Sardegna, nel Lazio, Marche, Emilia Romagna, Veneto e Puglia.

GLI ARRESTI VERONESI - Non si è certo salvata Verona: gli arrestati in provincia sono ben cinque e ad altri otto sono state sigillate le attività. Si tratta di Luigi Marinucci, di 65 anni di Angiari, socio della Sunny Land di Verona, Davide Scapini, 45enne di Verona città, rappresentante legale della Terre del Sole e responsabile commerciale della Sunnyl Land,  Silvio Sembenini, di 46, Valeggio sul Mincio, socio della Agribioscaligera di Rovigo, Caterina Albiero, 49 anni, di Zevio, nel corso del tempo amministratrice della Bioagri Sas e moglie di Paolo Minozzi, di 54 anni, anch'egli amministratore nel corso del tempo della Bioagri oggi in liquidazione.

LE INDAGINI IN ALTRE PROVINCE - Sono complessivamente 24 le persone indagate nella maxitruffa nel settore biologico scoperta dalla guardia di finanza di Cagliari. I 16 provvedimenti restrittivi sono stati richiesti dal sostituto procuratore Paolo De Angeli ed emessi dal Gip Giampaolo Casula. Gli arrestati, a vario titolo, per frode fiscale e frode nel commercio, sono Benito Cremonini, di 77 anni, di Imola, ma domiciliato in Sardegna, titolare dell'azienda di Capoterra da cui è partita l'inchiesta; Michele Grossi, di 38, originario di Fossombrone, amministratore di più società coinvolte nell'inchiesta fra cui la Bio Ecolan di Macerata, la Suolo e Salute di Fano e la Fattoria della Speranza di Bologna; Andrea Grassi, di 47, di Budrio, socio della Fattoria della Speranza e della Bio Ecoland, e Paolo Petetta, di 41, di Treia, socio della Bio Ecoland. Ai domiciliari Cesare Calzolari, di 73, di Ferrara rappresentante legale della società Terra Viva di Ferrara; Maristella Toninello, di 59, e il marito Lucio Sperandio, di 60, di Ponso nel Padovano, entrambi responsabili della azienda individuale "Toninello Maristella", Lulzim Xhani, di 44, albanese domiciliato a Foggia, socio della Mediterranea Organic trading. Ai domiciliari per abuso d'ufficio Filippo Sassetti, di 35, tecnico ispettore della società Biozoo srl; Paola Scocco, di 41, di Macerata, tecnico ispettrice della società Sole e salute e Stefano Spadini, di 48, tecnico ispettore della società Sole e salute, il quale deve rispondere anche in concorso con uno degli indagati di corruzione. I tre lavoravano come ispettori per aziende accreditate dal ministero e si sarebbero dovuti occupare dei controlli. Ad altre otto persone di Saltara, Fossombrone, Fano, Macerata, Verona e Bologna sono stati notificati provvedimenti di inibizione alle attività imprenditoriali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi-truffa da 135 milioni sui prodotti Bio, fermati 6 veronesi

VeronaSera è in caricamento