rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Legnago / Via Bezzecca

Trovato alla fermata del bus dopo la rapina all'OVS, finisce in manette

I carabinieri di Legnagno lo hanno rintracciato poco dopo il colpo messo a segno nel negozio, dove aveva spinto via violentemente una cassiera pur di guadagnarsi la fuga con il bottino

Nella serata di martedì i carabinieri della stazione di Legnago sono stati chiamati all'intervento, per una rapina commessa all'Ovs situato nel centro del paese. 
Arrivati sul luogo del fatto, i militari hanno ascoltato la vittima, la quale ha raccontato che un ragazzo di origini magrebine è entrato nel camerino per provarsi un giubbino, salvo poi uscire e dirigersi verso l'esterno, venendo però bloccato alle casse dal personale. A quel punto il nordafricano avrebbe spinto violentemente via una delle cassiere, riuscendo a scappare. Di strada però non ha fatta molta: poco dopo infatti è stato arrestato nei pressi di una fermata dell'autobus di San Pietro di Legnago, dove probabilmente intendeva salire su un mezzo per andare a Verona. 

E.M.E.H., cittadino marocchino, classe 1994 e pluripregiudicato, è stato portato in caserma con l'accusa di rapina e, dopo aver svolto gli accertamenti del caso, ha trascorso la notte nelle camere di sicurezza della Compagnia di Legnago, come disposto dall'autorità giudiziaria, mentre il giubbino del valore di 50 euro è stato restituito al leggittimo proprietario. 
Nella mattinata di mercoledì l'uomo è stato condotto davanti al Tribunale di Verona, dove il Giudice Prota ha convalidato l'arresto, concesso i termini di difesa e fissato il processo per il 18 febbraio, disponendo l'obbligo di firma 3 volte alla settimana presso i carabinieri di Legnago.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato alla fermata del bus dopo la rapina all'OVS, finisce in manette

VeronaSera è in caricamento