Riscossione tasse, Villa Bartolomea si affida a Poste Italiane

L'obbiettivo è il contenimento dei costi e semplificazione delle procedure grazie all’affidamento ad un unico interlocutore della riscossione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

Contenimento dei costi e semplificazione delle procedure grazie all’affidamento ad un unico interlocutore dell’intero processo di riscossione dei tributi locali. Sono le finalità della convenzione siglata nei giorni scorsi dal sindaco di Villa Bartolomea, Luca Bersan, e del direttore della Filiale di Legnago di Poste Italiane Mauro Longhi. Villa è il primo comune veronese a raggiungere questo accordo con Poste Italiane.

Il servizio di gestione della riscossione dei tributi locali, canoni ed altre entrate consentirà  al Comune di avvalersi di Poste Italiane come unico interlocutore in grado di garantire maggiore trasparenza e certezza dei costi. “Poste Italiane in questo modo mette a disposizione delle amministrazioni locali un servizio completo ed economico per rispondere alle esigenze di semplificazione contabile” – spiega Mauro Longhi. “Inoltre, attraverso la propria rete di referenti specializzati nel settore - prosegue il responsabile degli uffici postali della Filiale di Legnago - l’Azienda offre ai piccoli Comuni servizi che sono solitamente prerogativa di Amministrazioni più grandi. In questo modo anche i Comuni di piccole dimensioni possono usufruire dei sofisticati sistemi informatici messi a disposizione da Poste Italiane. Con evidenti vantaggi in termini di efficienza e contenimento dei costi”.

La partnership tra Poste Italiane e il Comune di Villa Bartolomea consentirà di gestire anche sul delicato terreno della riscossione dei Tributi locali, il rapporto con i cittadini-contribuenti in maniera sempre più trasparente e innovativa.

Torna su
VeronaSera è in caricamento