Trenitalia. In Veneto corse puntuali nel 93.1%: migliora il giudizio dei clienti

Il bilancio del primo semestre 2017 si chiude per Trenitalia Regionale Veneto con un trend costante rispetto ai livelli già positivi degli indici medi del 2016

Una puntualità reale (arrivo entro i 5 minuti dall’orario previsto) del 93,1% e un indice di regolarità (corse effettuate rispetto alle programmate) del 99,2%. Indici che, considerando le sole cancellazioni (0,3%) e ritardi (2,2%) imputabili direttamente a Trenitalia salgono al 99,7% come regolarità e 97,8% di puntualità. Migliora anche il giudizio dei clienti: a maggio il 91,6% si è dichiarato soddisfatto del viaggio nel suo complesso.

Il bilancio del primo semestre 2017 si chiude per Trenitalia Regionale Veneto con un trend costante rispetto ai livelli già positivi degli indici medi del 2016. La regolarità del servizio aumenta del 13%. La puntualità reale resta stabile ai valori 2016.

Risulta superiore alla media generale l’arrivo in orario dei treni in circolazione nelle ore di punta del mattino: nella fascia 6-10 è il 94,2% dei convogli ad arrivare puntuale. La percentuale sale al 97,9% (+1,3% vs 2016) per le sole cause di ritardo imputabili direttamente a Trenitalia.

L’ultima indagine demoscopica, condotta a maggio da una società esterna al Gruppo FS, ha evidenziato un miglioramento nel giudizio che i clienti danno del servizio e dei vari momenti che lo compongono: (+4,6% vs maggio 2016 e +2,9% vs periodo gennaio-maggio 2016).
Rispetto a maggio 2016 tutti i fattori della permanenza a bordo hanno registrato un miglioramento significativo: pulizia +1,3% (78,5% vs 77,2%), informazioni a bordo +2% (87,4% vs 85,4%), comfort +1% (89,9% vs 88,9%), puntualità +2,7% (77% vs 74,3%), permanenza a bordo +2% (90,7% vs 88,7%), security +2,3% (87,7% vs 85,4%).

A livello nazionale, in valori assoluti le migliori performance in fatto di puntualità reale, che tenendo conto di tutti i ritardi restituisce quanto effettivamente vissuto dai clienti, si registrano nella Provincia Autonoma di Bolzano, con il 95,1% dei treni puntuali, a seguire il Friuli Venezia Giulia, con il 95%, l’Abruzzo con il 93,7%, la Provincia Autonoma di Trento con il 93,5%, poi le Marche 93,3%, il Veneto appunto col 93,1%, il Lazio 92,3%, la Toscana 92,1%, l’Emilia Romagna 91,8% e la Valle d’Aosta 91,7%. Per quanto riguarda la regolarità del servizio, invece, sul podio salgono la Provincia Autonoma di Trento, l’Umbria e le Marche, rispettivamente con appena lo 0,3%, lo 0,4% e lo 0,5% delle cancellazioni.

Il trend della puntualità, con poche eccezioni, risulta positivo un po’ in tutte le regioni, con punte più elevate in Valle d’Aosta, Basilicata, Lazio, Liguria ed Emilia Romagna. Quello della regolarità vede eccellere la Provincia Autonoma di Trento, dove le cancellazioni sono diminuite dello 0,8% e la Campania, dove gli annullamenti del servizio imputabili all’azienda di trasporto sono diminuiti dello 0,3%.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento