Segnalazioni ancora una volta decisive: tre ladri arrestati dalle Volanti

In Basso Acquar un residente li ha visti allontanarsi furtivamente e ha avvisato il 113: gli agenti inviati sul posto poi hanno rintracciato i primi due, mentre un'altra chiamata li ha messi sulle tracce del terzo criminale

Tre persone sono finite in manette nella serata di domenica per mano degli delle Volanti, che hanno seguito le segnalazioni giunte al 113 da alcuni attenti cittadini. 
Erano circa le 21 quando una pattuglia si è diretta in via Basso Acquar dove un residente, udendo il cane abbaiare, si è affacciato alla finestra dalla quale ha visto tre uomini allontanarsi, con uno di loro che teneva qualcosa stretto sotto il braccio. Gli agenti allora hanno dato subito il via alle ricerche, forti della descrizione fatta dal testimone, che gli ha permesso di rintracciare due dei malviventi poco dopo, fermi alla fermata dell'autobus in via Tombetta. In loro possesso sono state trovate tre giacche, mentre una quarta è stata rinvenuta poco distante: si tratta di parte del bottino del colpo messo a segno poco prima. 
Alla conta però mancava ancora una persona, rintacciata grazie ad un'altra segnalazione al civico 13 di via Corticella Molinara mentre cercava di nascondersi alla forze dell'ordine sulla terrazza di un appartamento: in una delle sue tasche infatti sono state trovate le chiavi di una Hyundai sottratte poco prima. 
P.A., nato a Verona nel 1970, con precedenti di polizia per reati di droga e contro il patrimonio, e J.J.S., nato negli Stati Uniti d'America nel 1977 e con a sua volta precedenti per crimini contro il patrimonio, sono finiti subito in manette, mentre L.B., nato nel 1970 a Mirandola, è stato arrestato qualche minuto dopo. 
A carico di quest'ultimo inoltre era giunta al 113 una terza segnalazione, fatta una donna, la quale affermava di aver scoperto e messo in fuga un malvivente che con un sasso in manno si accingeva a mandare in frantumi un vetro: secondo la descrizione, quell'individuo era sempre L.B., poco prima di venire avvistato in Basso Acquar. 

Portati in Questura con l'accusa di furto aggravato in concorso, i primi due (risultati essere senza fissa dimora come il terzo), lunedì mattina hanno ricevuto l'obbligo di firma giornaliera negli uffici di lungadige Galtarossa, in attesa dell'udienza del 31 gennaio 2017. Il terzo invece, autore di gesti di autolesionismo dopo l'arresto, è stato portato in ospedale per le cure del caso e subito dimesso: il ladro però in questo caso attenderà in carcere l'inizio del processo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: l'Esu di Verona chiude «aule studio, ristoranti e zone pertinenti»

  • Incidente e incendio, un camion va a fuoco: traffico in tilt sulla tangenziale sud

  • Musicista torna in Molise da Verona: «Per il coronavirus, prevenzione bassa»

  • Cambia la viabilità di Verona per il Venerdì Gnocolar: ecco i provvedimenti

  • Lessinia e Valpantena, ci sono offerte di lavoro ma sono senza risposta

  • Coronavirus. Dopo il chiarimento della Regione, ecco cosa è ammesso a Verona e cosa no

Torna su
VeronaSera è in caricamento