menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

400 bottiglie d'olio pagate con un assegno scoperto. 3 indagati nel veronese

Sono un napoletano residente a Villafranca, un pakistano e un veronese. La vittima è un imprenditore di Acquarica del Capo, nel leccese. Il raggiro è stato scoperto dai carabinieri

Sono tre gli indagati per una truffa online subita dal titolare di un'azienda agricola salentina di Acquarica del Capo. La vittima ha spedito un carico di 400 bottiglie d'olio per un importo di 2.300 euro, ma quando è andato a incassare l'assegno dell'acquirente ha saputo che l'assegno era scoperto. L'uomo si è dunque rivolto ai carabinieri di Presicce, che insieme ai militari veneti, hanno scoperto la truffa e individuato i responsabili.

Come scritto su Lecce Prima, gli indagati sono un napoletano residente a Villafranca di Verona, un pakistano che abita poco distante e un veronese. Ad architettare tutto pare sia stato il napoletano che si è messo in contatto con la vittima del raggiro attraverso un numero di cellulare intestato al pakistano. L'assegno risultato poi essere scoperto invece era intestato al veronese.

L'abilità dei militari ha permesso di scoprire la truffa. L'olio però non è stato recuperato. Probabilmente era già stato smerciato una volta giunto a destinazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento