rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Via Roma

Fondazione Arena. Dopo quattro mesi di occupazione i lavoratori traslocano

Il presidio passa dalla Sala Fagiuoli di via Roma alla Sala Bra di Via Torre Pentagona, una scelta per favorire le trattative tra sindacati e dirigenza per il risanamento della Fondazione

Un trasloco per non dare alibi alla dirigenza. Il quotidiano L'Arena ha diffuso la notizia che da ieri, 2 marzo, dopo quasi quattro mesi l'occupazione della Sala Fagiuoli da parte dei lavoratori di Fondazione Arena si è spostata nella Sala Bra di via Torre Pentagona. Una decisione figlia della distensione e dalla volontà di trattare con la direttrice Francesca Tartarotti, che di quel presidio aveva chiesto la fine.

Con questo spostamento, i rappresentati sindacali vogliono togliere quello che era stato indicato come un ostacolo, ma che per Cgil, Cisl, Uil e Cisal, un ostacolo non lo era mai stato. Quindi oggi, 3 marzo, ripartono le trattative tra sindacati e Tartarotti, ma prima di una loro ripresa i rappresentanti dei lavoratori hanno precisato di voler rifiutare ogni offerta di privatizzazione della Fondazione, mentre auspicano che i privati elargiscano dei contributi a una realtà che aiuta l'economia del territorio.

Disponibilità al confronto è stata espressa anche dai vertici della Fondazione, anche perché non rimane più tanto tempo per discutere. La stagione è sempre più vicina e il punto al momento più urgente su cui trovare una convergenza sono gli stagionali. L'aria però sembra cambiata, meno avvelenata dal clima pesante delle minacce.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Arena. Dopo quattro mesi di occupazione i lavoratori traslocano

VeronaSera è in caricamento