menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Transpolesana attraversata da una condotta per servire i campi della Bassa

Sfruttando il sistema del "microtunneling", il Consorzio di Bonifica Veronese ha posato una tubazione che taglia la SS434 per andare a rifornire il territorio di Ca' degli Oppi, caratterizzato in larga parte da un utilizzo agronomico

Il Consorzio di Bonifica Veronese sta realizzando un importante intervento per la posa di una condotta interrata a servizio del bacino irriguo di Cà degli Oppi, tutto all'interno del territorio di Oppeano, in sostituzione della precedente e onerosa derivazione a mezzo di elettropompe.
Il bacino di Ca' degli Oppi, che si trova a sud della linea delle risorgive lungo la quale affiorano le acque di falda, comprende il nucleo abitativo di Ca' degli Oppi, ma la maggior parte del territorio dell'area è caratterizzata da un utilizzo agronomico. Le principali coltivazioni supportate sono quelle del mais, del tabacco, delle cipolline e del kiwi. Interessanti per le finalità agronomiche dell'area sono le caratteristiche del suolo, che si presenta sabbioso in quasi tutto il bacino. Il Consorzio di Bonifica Veronese fornisce in quell'area il servizio di irrigazione utilizzando le portate disponibili derivabili da acque superficiali, con le quali vengono serviti circa 80mila ettari ad uso agricolo. Prima dell'intervento l'acqua veniva prelevata dal fiume Bussè mediante un impianto di sollevamento e distribuita con canalette e tubazioni in cemento prefabbricato.

"Grazie alle nuove disponibilità idriche derivanti dai lavori eseguiti negli ultimi anni sulla rete irrigua servita dalla derivazione dal fiume Adige in località Sorio in Comune di San Giovanni Lupatoto - spiega il Presidente del Consorzio di Bonifica Veronese Antonio Tomezzoli -, oggi è possibile procedere con interventi funzionali al trasferimento della risorsa idrica in aree dotate di prelievi precari. Il bacino di Cà degli Oppi è tra le aree prioritarie da servire: ed è questa la motivazione della realizzazione del nuovo collegamento dal collettore Bongiovanna Est in località Molinetto, per alimentare il bacino a gravità, in sostituzione dell'attuale derivazione a mezzo di elettropompe".

Per la realizzazione della condotta si è reso necessario negli scorsi giorni attraversare la strada S.S. 434 Transpolesana, all'altezza dello stabilimento di Calzedonia, mediante la posa, tramite trivellazione orizzontale, di una condotta del diametro di 140 cm con sistema "microtunneling", per una lunghezza di ben 48 metri. Il "microtunneling" è una tecnologia avanzata che consente attraversamenti in galleria di strade, ferrovie, corsi d'acqua e zone soggette a tutela ambientale senza la necessità, molto più costosa e molto più impattante per il territorio, della realizzazione di scavi in trincea. I lavori, che hanno un costo complessivo di 900mila euro integralmente a carico del Consorzio di Bonifica Veronese, vedranno la loro conclusione nei primi mesi del 2017, prima dell'inizio della nuova stagione irrigua.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento