menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tragedia di Castagnaro. Disposta l'autopsia per la bimba annegata in piscina

La salma della piccola di due anni, morta nel pomeriggio di lunedì, è stata trasportata all'ospedale di borgo Roma per l'esame autoptico, mentre proseguono le indagini d'ufficio dei carabinieri sulla vicenda

È un dolore immenso, indescrivibile, quello che stanno vivendo i genitori della piccola Lucia K., la bambina di due anni morta tragicamente nel pomeriggio di lunedì, mentre giocava nella piscina che il papà aveva installato nel giardino. Un dramma che ha colpito una famiglia che solo da poche settimane si era trasferita nella casa di via Peagnon, a Menà di Castagnaro, e che ora dovrà anche sopportare tutti i passaggi previsti in questi casi dalla legge. 

Secondo quanto appurato dai carabinieri della compagnia di Legnago intervenuti sul posto, la piccola Lucia e la madre, L.K., 27enne di origini romene, stavano giocando, quando la donna si è dovuta allontanare per qualche momento per accudire la figlia di pochi mesi: al suo ritorno ha trovato la piccola sul fondo della piscina, coperta da 60 centimetri d'acqua dai quali non è riuscita a riemergere. 
Le sue urla hanno richiamato sul posto anche il padre, 31enne romeno e muratore, e i parenti che vivono con loro. Tirata immediamente fuori dall'acqua, la bambina è stata sottoposta ai tentativi di rianimazione del padre e del personale del 118, che si sono protratti per quasi un'ora. Ma per Lucia non c'è stato niente da fare e i soccorritori sono stati costretti a dichiararne il decesso. 

Devastata dal dolore, per la madre è stato necessario il trasporto all'ospedale Mater Salutis di Legnago, mentre la comunità locale è rimasta scioccata per la tragedia che ha spezzato una così giovane ed innocente vita. 
Il corpo della piccola è stato poi portato all'ospedale di borgo Roma, su disposizione del magistrato Pascucci, dove verrà eseguita l'autopsia. La madre intanto risulta indagata per "abbandono di minore": una procedura partita d'ufficio, come sempre avviene in questi casi, per fare chiarezza sulla vicenda e non per dei reali sospetti sulla donna. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento