rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Tosi: "Milano ci copia, gi le mani dalla nostra Fiera"

Presentata l'edizione 112 del salone sull'ippica. Il sindaco contro la concorrenza lombarda

"Giù le mani da Fieracavalli" sentenzia il sindaco Tosi. Nel mirino, la concorrenza con la fiera milanese che lancia la sua "versione" del salone sull'ippica. Si apre al centro delle polemiche l'edizione di Fieracavalli numero 112.

"La fiera di Milano è più grande, ma Fieracavalli è nostra, la loro idea è solo una scopiazzatura della nostra, poco elegante e poco sensata come mossa -continua il sindaco leghista-. Il vantaggio della nostra fiera sta nella posizione all'interno della città e vicino alle principali vie di comunicazione, nella storia, nel knowhow e nella tradizione. Abbiamo un appeal migliore. Di buono c'è che la concorrenza è sempre bene accetta, perchè ci spinge a migliorare grazie ad un confronto positivo".


Come affrontare dunque i cavalli di Milano? "C'è da sperare che questa faccenda non diventi una guerra, come è già successo in passato quando la competizione si è trasformata in un suicidio. Come è successo per il Siab, che è stato soppiantato dal salone di Monaco. Detto questo, è giusto che le fiere lavorino. Capisco il problema di Milano, sta pagando il prezzo del decentramento della sua fiera. Ma come ha recentemente ricordato il governatore Zaia, il problema di fondo è politico, di ricerca di finanziamenti. Quello che auspico è che il ministro Galan possa porre un freno a tutto questo, visto che conosce bene Fieracavalli e ha lavorato a lungo in favore di questa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tosi: "Milano ci copia, gi le mani dalla nostra Fiera"

VeronaSera è in caricamento