Titoli rischiosi venduti senza adeguata informazione: risarciti due anziani

Adincosum ha assistito la coppia veronese che aveva investito in prodotti finanziari derivati su consiglio del consulente finanziario di un istituto di credito, la quale è stata risarcita con 19 mila euro

Immagine generica

Condannata una banca a risarcire per 19mila euro una coppia di anziani veronesi ai quali aveva venduto loro titoli ad alto rischio. Lo riporta Adiconsum Verona, che ha assistito due persone le quali tra il 2014 e il dicembre 2016, con un’età di 78 e 64 anni e un profilo di rischio moderato, avevano investito in prodotti finanziari derivati (certificate e covered warrant) su consiglio del consulente finanziario di un istituto di credito. Si erano affidati al consulente senza ricevere una corretta informazione sulle caratteristiche e i rischi degli strumenti proposti.

I derivati sono investimenti ad elevata rischiosità. Infatti, alla scadenza i titoli hanno perso gran parte del loro valore, facendo perdere ai coniugi oltre 20.000 euro.

Dopo un vano reclamo, Adiconsum si è rivolta all’Arbitro per le Controversie Finanziarie, il quale con la decisione del 19 febbraio 2019 ha riconosciuto le ragioni dei ricorrenti. L’Arbitro ha affermato che la Banca non ha utilizzato la specifica diligenza richiesta, in particolare non ha informato correttamente delle caratteristiche e dei rischi degli strumenti finanziari proposti, essendosi limitata a produrre documentazione contrattuale nella quale i ricorrenti dichiarano di avere ricevuto la scheda prodotto dello strumento finanziario acquistato.

Le operazioni finanziarie non erano adeguate al profilo dei ricorrenti. Infatti, dalle schede MiFID sottoscritte dai clienti al tempo risulta che essi avevano un profilo di rischio moderato e avevano dichiarato di voler ricercare “una elevata protezione del capitale investito” ma, al tempo stesso, di voler ottenere “una crescita del capitale nel medio lungo periodo”. Questi obiettivi non risultano compatibili con una operatività intensa in strumenti finanziari derivati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Adiconsum – evidenzia Silvia Caucchioli, legale di Adiconsum, che ha seguito il caso – è particolarmente soddisfatta del risultato ottenuto attraverso il ricorso all’Arbitro per le Controversie Finanziarie, strumento fondamentale e economico per la risoluzione stragiudiziale delle controversie su investimenti finanziari. L’Arbitro, istituito dal 2017, si è rivelato molto attento alla corretta informazione dei risparmiatori da parte delle Banche, affinché vengano consigliati investimenti adeguati ai profili dei cittadini. Nel caso dei coniugi veronesi abbiamo ottenuto un risarcimento di ben 19.000 euro in solo un anno e mezzo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Usa foto di un 15enne morto per adescare 13enne. Scoperto da Le Iene

  • Neonato abbandonato a notte fonda sul ciglio della strada a Verona

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Rintracciati dai carabinieri di Verona i genitori del bambino abbandonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento