Tetano, la bimba peggiora: «Me la prendo con chi diffonde bugie sui vaccini»

È Roberto Burioni ad intervenire nuovamente sul caso della bambina che dalla scorsa settimana si trova ricoverata all'ospedale di borgo Trento dopo aver contratto la malattia

Immagine generica

Pessime notizie da Verona: la bambina ammalata di tetano sta peggiorando. Una storia incredibile, perché incredibile è che nel 2019 si possa rischiare di morire di tetano, una malattia che nei vaccinati (con un vaccino sicurissimo ed efficace) NON ESISTE.

Io ho difficoltà in questo momento di dolore a giudicare i genitori preferendo essere loro vicino nella speranza di guarigione della loro piccola, posso invece scagliarmi in piena libertà contro chi, diffondendo paura e bugie, induce i genitori a non vaccinare.

Sono quelli che dicono che i vaccini fanno morti (non è vero, sono sicurissimi), sono quelli che dicono che del vaccino contro il tetano non c’è bisogno perché basta l’immunità naturale e un poco di vitamina C per evitarlo (non è vero, ci vuole il vaccino), sono quelli che dicono che i vaccini causano l’autismo (bugia totale). Sono quegli irresponsabili che con le loro schifose bugie riescono a impaurire e abbindolare i genitori: queste sono le conseguenze di quelle bugie.

È il virologo Roberto Burioni a commentare ancora una volta la vicenda della bambina di 10 anni di Povegliano, che da martedì è ricoverata in Terapia Intensiva Pediatrica dell'Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento, dopo aver contratto il tetano. La piccola avrebbe contratto la malattia sbucciandosi un ginocchio e, non essendo stata vaccinata, è andata via via peggiorando: collegata ad alcuni macchinari che l'aiutano a mantenere stabili le funzioni vitali, la piccola continua a lottare, pur non essendo cosciente. 

Una vicenda che, oltre a tenere in apprensione la famiglia ed un'intera comunità, richiama l'attenzione sulla questione delle vaccinazioni, con lo stesso Burioni che si è scagliato contro quelle associazioni e pagine Facebook, che sostengono la teoria FreeVax. 

CORVELVA, un gruppo veneto che in un comunicato di ieri afferma SPUDORATAMENTE di non sconsigliare le vaccinazioni. Questa immagine è stata diffusa, affissa sui cartelloni, postata sui social e via dicendo.

Intanto, per la mancata vaccinazione (e solo a causa della mancata vaccinazione) una bambina giace in un letto di rianimazione tra la vita e la morte.

Corvelva avrà la possibilità di diffondere le sue mortali bugie in Parlamento nei prossimi giorni; quelli del Corvelva insieme ad altri della stessa risma si presenteranno in piazza a Rimini sabato 29 giugno con le loro magliette arancioni per unirsi e proseguire in questa missione di disinformazione e di disseminazione del panico.

Questa gente non combatte per la libertà di scelta.

Questa gente combatte per avere la libertà di mettere in pericolo i propri figli in nome dell’ignoranza e di diffondere bugie che, se credute, hanno come effetto finale di spedire una bambina al cimitero. Tragedia che non ha colore politico.

Potrebbe interessarti

  • Autostima: cos'è e come ci si lavora

  • Sanità, nascono in Veneto i team di assistenza primaria: «Facilitare l'accesso alle cure»

  • Avis Regionale Veneto e Confservizi Veneto: siglata una importante collaborazione

  • Riso: proprietà e ricette salutari

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla SR450, tre ragazzi investiti da un'auto: due 20enni morti

  • Trattore si ribalta e non gli lascia scampo: morto un agricoltore

  • Cadavere trovato nel canale "Menaghetto": la donna è stata identificata

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 19 al 21 luglio 2019

  • Stroncata da una malattia durante una vacanza: 17enne muore in Grecia

  • Incidente in moto sull'A22 all'uscita per Affi: un morto e un ferito grave

Torna su
VeronaSera è in caricamento