rotate-mobile
Cronaca Colognola ai Colli

Test professionali per il Covid i vendita nei bar dei distributori: multa e sequestro

Non si trattava di tamponi per l'autodiagnosi ma di dispositivi destinati esclusivamente a personale sanitario qualificato, che oltretutto non riportavano i necessari avvertimenti in lingua italiana

Nei bar di alcune stazioni di rifornimento di Colognola ai Colli e San Bonifacio erano stati messi in vendita, tra i prodotti di consumo, dei dispositivi medici diagnostici in vitro (tamponi faringei) di produzione cinese, utili ad identificare il Covid-19. Si trattava però di test ad uso non autodiagnostico ma destinati esclusivamente a personale sanitario qualificato e non certo al privato cittadino. La scatola delle singole confezioni inoltre era sprovvista delle necessarie indicazioni in lingua italiana, come previsto dalle norme vigenti, con il rischio che gli avvertimenti effettivamente riportati sul packaging “for professional use only” e “non home testing”, potessero risultare insufficienti ad avvvisare l'acquirente che si trattata di dispositivi destinati ad un uso professionale e non auto-diagnostico. 

Ad accertarsi di questo sono stati i carabinieri della stazione di Colognola ai Colli, durante un servizio utile a verificare l’applicazione delle misure anti contagio. 
L'analisi della documentazione dell’importazione ha permesso ai militari che tali prodotti erano stati fabbricati a Zhejiang, per essere poi importati in Italia da una ditta che opera nel settore della distribuzione di materiale sanitario con sede in Croazia ed infine essere messi in vendita tra gli espositori di bar e distributori di benzina.

Al termine degli accertamenti, è stato sanzionato il titolare della società che ha messo in vendita i dispositivi con una multa di mille euro, mentre sono state sottoposte a sequestro cautelativo 78 confezioni del prodotto.

WhatsApp Image 2021-04-19 at 14.13.24-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Test professionali per il Covid i vendita nei bar dei distributori: multa e sequestro

VeronaSera è in caricamento