Consulta studenti, la proposta: "Test antidroga per i rappresentanti"

La richiesta di una modifica al regolamento interno del tutor Luca Erbifori: piaga dilagante tra i giovani. "Noi dobbiamo dare l'esempio". Gli elenchi saranno resi pubblici

Universitari in aula

Proposta per un "test antodroga ai rappresentanti degli studenti". Questa, in sintesi, ciò a cui potrebbe portare la modifica di Luca Erbifori, tutor della Consulta provinciale degli studenti di Verona per il Ministero dell'Istruzione. Un'idea nata affinché venga inserito un articolo che miri alla possibilità di effettuare un test antidroga ai consiglieri eletti.

"Partiamo da noi per dare il buon esempio" è lo spot che ha lanciato Erbifori per diffondere la proposta all'interno della comunità scolastica e alle istituzioni. "Il test antidroga è facoltativo per non compromettere ed infangare la vita degli eletti, spesso minorenni - afferma l'ex presidente della Consulta di Verona e prosegue - è un primo passo per garantire in un secondo momento un test non agli eletti ma bensì ai candidati, dunque prima delle elezioni". La proposta deriva dalla consapevolezza personale di una tragica diffusione dello spaccio e dell'utilizzo di stupefacenti all'interno delle scuole. "Se l'assemblea plenaria riuscisse ad approvare un articolo di questo genere, lasceremo un'impronta indelebile nel tessuto scolastico attuale e futuro" conclude Erbifori.

L'approvazione di modifica regolamentare deve avvenire con scrutino pubblico con il parere favorevole della maggioranza assoluta dell'assemblea. Tre le premesse che Erbifori pone nella proposta: "L'utilizzo di sostanze stupefacenti all'interno degli istituti scolastici è un fenomeno molto diffuso e di difficile contrasto; i rappresentanti degli studenti devono essere d'esempio per i propri colleghi; la criminalità organizzata trae dalla droga un guadagno ingente". La richiesta, dunque riguarda "L'inserimento all'interno del regolamento della Consulta un articolo con il quale si chiede ai membri dell'Assemblea di potersi prestare ad un test antidroga facoltativo". "La lista dei volontari - conclude Erbifori - verrà stilata dal presidente e inviata per conoscenza all'Ufficio scolastico. I risultati di chi si sottoporrà al test saranno pubblici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Finta concessionaria nel Veronese per truffare i clienti, denunciato 21enne

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

Torna su
VeronaSera è in caricamento