Terremoto in Centro Italia. Collette e raccolte alimentari a Verona e provincia

Anche se non si è sul posto a scavare tra le macerie, si può fare qualcosa per aiutare chi è stato colpito dal sisma e in una notte ha perso tutto

Il giorno dopo il terremoto in Centro Italia, nei paesi come Amatrice, Accumoli e nella zona di Arquata del Tronto si continua a scavare e a lavorare per tirare fuori dalle macerie tutti coloro che potrebbero essere ancora sepolti, sperando di trovarli ancora in vita. Anche la Protezione Civile del Veneto e i Vigili del Fuoco veronesi sono arrivate nelle zone colpite dal sisma per dare una mano nei soccorsi.

Ma c'è bisogno dell'aiuto di tutti. Chiunque si sia sentito impotente e non abbia ancora trovato una risposta alla domanda "Cosa posso fare per dare il mio contributo?", sappia che in molte zone del veronese sono state organizzate delle raccolte fondi, oppure delle collette di viveri o di beni necessari a chi è sopravvissuto ma ha perso tutto.

Nelle tre stazioni della funivia di Malcesine Monte Baldo sono stati allestiti dei contenitori per la raccolta delle offerte volontarie delle migliaia di turisti che transitano sull'impianto. "Nel prossimo Cda decideremo anche quali aiuti stanziare come Funivia - ha spiegato il presidente Daniele Polato - Lo faremo nelle prossime settimane, quando saranno più chiare le priorità di intervento. Intanto, non smetteremo di seguire con apprensione gli sviluppi di questa tragedia".

E lo stipendio di un'ora di lavoro di tutti i dipendenti di Amia sarà donata per i terremotati del Centro Italia.

Anche il Coordinamento Calcio Club Hellas Verona si è attivato e ha allestito al Campo Sportivo Olivieri di via Sogare una raccolta di beni di prima necessità, come acqua, latte a lunga conservazione, pasta, riso, farina, zucchero, caffè, tonno, fagioli, legumi, pomodori in scatola, biscotti, olio, sale, sapone, carta igienica, pannolini per bambini e per anziani, salviette deumidificate, assorbenti da donna, medicine comuni, garze, acqua ossigenata, cerotti e capi di abbigliamento nuovi. I giorni della raccolta sono oggi giovedì 25, venerdì 26, lunedì 29 e martedì 30 agosto, con orario dalle 21.15 alle 24. A questo proposito, è possibile che i Calcio Club Hellas Verona di diversi Comuni, come ad esempio Bussolengo, organizzino delle raccolte per poi portare tutto a Verona.

E anche i butei del G.F.U.T delle Golosine insieme ai Butei CinCin di Villafranca organizzano al V&V in via Tanaro 24 una raccolta alimentare.

Un'altra raccolta è stata organizzata dal Centro Servizi alla Persona "Morelli Bugna" di Villafranca da oggi a martedì 30 agosto, durante gli orari di apertura del Centro Servizi che si trova in via Rinaldo.

E ancora il Gruppo Alpini di Colà organizza una raccolta al Circolo Acli a Lazise.

La Croce Sanitas raccoglie beni da inviare ai terremotati venerdì 26 agosto nella sede della Croce Rossa di Sant'Ambrogio (nel quartiere fieristico) e sabato 27 al mattino alla Croce Sanitas di Pastrengo in via dell'Artigianato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Senza cinture al momento dello scontro: grave la bimba, indagata la madre

Torna su
VeronaSera è in caricamento