rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca San Massimo / Via Antonio Spagnolo

Senza spiegazioni il tentato omicidio a San Massimo. La vittima è fuori pericolo

Si pensa ad un raptus dovuto ad uno stato confusionale, ma risulta ancora inspiegabile il gesto di una 82enne che ha accoltellato alla gola il marito 84enne, allettato dopo un ictus

Un raptus dovuto ad uno stato confusionale. Al momento pare questa la spiegazione più accreditata sul fatto avvenuto in un appartamento in via Spagnolo 9 a San Massimo domenica mattina 6 marzo. Una donna di 82 anni, V.Z., ha tentato di uccidere il marito allettato O.G., 84enne. Lo ha ferito alla gola con un coltello da cucina, in modo non grave ma abbastanza da fargli perdere molto sangue, poi ha chiamato la nuora che ha allertato i soccorsi. La donna ha detto qualcosa alla nuora poi si è chiusa nel silenzio ed è stata trasportata all'ospedale di Borgo Roma insieme al marito. Lui è stato operato e non è in pericolo di vita, lei è in psichiatria e il suo arresto per tentato omicidio potrebbe essere convalidato anche senza l'interrogatorio da parte del giudice per le indagini preliminari.

Rispetto all'altra tragedia avvenuta sempre il 6 marzo mattina, ma nel quartiere Golosine, quella di V.Z. risulta ancora per alcuni inspiegabile. I due anziani erano seguiti da una badante. Vivevano da soli, ma nella stessa palazzina dei figli e con i nipoti poco distanti. Il dettaglio che accomuna i fatti di cronaca di San Massimo e Golosine è lo stato di salute delle vittime, costrette al letto medicale a seguito di un ictus. E potrebbe essere questo il fattore che nel tempo ha portato a questi atti di violenza. Secondo i carabinieri, infatti, in entrambi i casi è presente una tensione dovuta alle gravi condizioni di salute di uno dei coniugi. Solo che il caso di Golosine era stato segnalato, perché in famiglia era presente anche un figlio autistico, mentre la situazione di San Massimo non era nota e niente poteva far prevedere quello che poi è successo. Per i famigliari di V.Z. è ancora tutto inspiegabile. Forse tutto sarà più chiaro una volta rotto il muro di silenzio in cui si è chiusa la 82enne.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza spiegazioni il tentato omicidio a San Massimo. La vittima è fuori pericolo

VeronaSera è in caricamento