Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Stazione / Piazzale 25 Aprile

Scattano le sanzioni per i "furbetti" delle corsie preferenziali in stazione

Fino ad ora si era solo scherzato, ma da lunedì 14 settembre per i trasgressori segnalati dalle nuove telecamere installate davanti alla stazione Porta Nuova ci sarà una sanzione di 96,40 euro ad attenderli

Da oggi lunedì 14 settembre si fa sul serio: le telecamere installate di fronte alla stazione di Porta Nuova per monitorare il traffico sulle corsie preferenziali di autobus e taxi, in caso di rilevamento di veicoli non autorizzati faranno scattare immediatamente la sanzione. È infatti terminata la fase di sperimentazione avviata a metà agosto, e stando ai dati tutto lascia pensare che nel prossimo futuro immediato, nonostante i molti avvisi in merito, saranno parecchi gli automobilisti che commetterano delle irregolarità.

Tutt'altro che incoraggianti i numeri in proposito: dal 17 agosto al 10 settembre, durante il periodo di sperimentazione, sono stati 28.491 i veicoli totali transitati in stazione, di questi ben 9.828 quelli che hanno percorso in modo irregolare le corsie preferenziali e quindi sanzionabili. Finora nessuna multa dunque, ma da oggi tutto cambia e la guerra ai "furbetti" è ufficialmente partita e per i trasgressori scatteranno sanzioni dell'importo di 96,40 euro. In merito, così come riferito dall'Arena, è intervenuto l'assessore alla Mobilità Marco Ambrosini: "La telecamera farà da deterrente al transito irregolare dei mezzi non autorizzati che oltre a costituire una violazione al codice della strada, è anche causa di rallentamenti alla circolazione dei mezzi pubblici e di conseguenza alla loro velocità commerciale". 

Nel frattempo in città è corsa contro il tempo per ultimare i cantieri ancora attivi, prima che le scuole riaprano e il traffico s'intensifichi. Da mercoledì 16 settembre infatti gli studenti torneranno in aula: in merito si è detto tranquillo il direttore generale di Atv Stefano Zaninelli, così come riferisce l'Arena: "Abbiamo anticipato di due giorni l'orario invernale proprio per capire se può esserci qualche problematica. Tuttavia siamo pronti, abbiamo rafforzato le linee e i collegamenti con i Comune della cintura con corse ogni mezz'ora o venti minuti. Anticipare di due giorni significa 100mila chilometri di percorrenze, quindi sarà un test importante. Nell'ultimo anno abbiamo acquisito 30 nuove vetture e la flotta urbana è ora completamente a metano".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scattano le sanzioni per i "furbetti" delle corsie preferenziali in stazione

VeronaSera è in caricamento