Tazzine da caffè e cappuccino per celebrare Verona e il Festival lirico

Con una pregiata creazione dedicata a Verona e al suo centenario Festival lirico, Fondazione Arena e Ancàp rinnovano per il quinto anno consecutivo la loro collaborazione, che per il 2017 celebra lo storico legame tra il territorio e la cultura operistica

Nasce così, dalla sensibilità artistica della Fondazione Arena di Verona e dalla maestria artigiana di Ancàp, azienda veronese produttrice di porcellane di pregio realizzate esclusivamente in Italia, un set esclusivo di pezzi unici, composto da tazza da cappuccino e tazzina da caffè: il set riproduce un’elaborazione dell’iconografia rateriana della città di Verona, a cui si lega l’immagine dell’Arena e del suo Festival lirico, rappresentato dal titolo Nabucco, che inaugurerà l’Opera Festival 2017 il prossimo 23 giugno in un nuovo allestimento a firma del regista Arnaud Bernard.

La collaborazione tra Fondazione Arena e Ancàp nasce nel 2013, in occasione del Festival del Centenario, con la creazione di tazzine e tazze da cappuccino celebrative della stagione estiva, a partire dall’opera regina dell’Arena, Aida, a cui hanno fatto seguito le tirature ispirate a Carmen (2014) e Roméo et Juliette (2015), per arrivare all’elegante omaggio a Turandot proposto lo scorso anno. Il progetto 2017 vuole quindi allargare lo sguardo e comunicare in modo semplice ed immediato la forte connessione tra il Festival lirico areniano e la sua città, partendo dalla riproduzione grafica di una carta miniata medievale, che rappresenta Verona mettendone in luce alcuni aspetti caratteristici.

lirica tazzina 1-2

L’immagine originale, commissionata dal vescovo Raterio di Liegi nel X secolo, oggi risulta perduta, ma ne restano due fedeli apografi del XVIII secolo voluti da Scipione Maffei e da Giovanni Battista Biancolini. Immediatamente identificabile il fiume Adige, che divide la città in due parti: quella inferiore, su cui troneggia l’imponenza dell’anfiteatro Arena, e quella superiore in cui è riconoscibile la forma del Teatro Romano, denominato “Arena Minor”; nel mezzo campeggia Ponte Pietra, denominato Pons marmoreus. Nei versi celebrativi, che commemorano Verona come grande e immortale, spiccano i riferimenti all’Arena quale nobile, distinto, memorabile, grande Teatro, costruito a decoro della città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il piattino, che accompagna la tazzina e la tazza da cappuccino, con la sua pennellata riprende l’immagine del corso dell’Adige, in un abbraccio ideale alla città di Verona e all’Arena. Le nuove creazioni saranno acquistabili a partire da martedì 18 aprile presso l’Arena Shop (cancello 10 dell’anfiteatro) e le più importanti caffetterie del centro città, dove verranno esposte e utilizzate durante il corso dell’intera stagione estiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La bella iniziativa del Comune di Bussolengo che favorisce il turismo e andrebbe imitata

  • Coronavirus: in Veneto segnalati +29 casi positivi, a Verona +263 isolamenti in un giorno

  • Coronavirus: a Verona segnalati +20 casi in 24 ore e crescono gli attuali positivi in Veneto

  • Rischio temporali in Veneto anche sul Garda e in Lessinia: l'allerta della protezione civile

  • Si è spento il veronese Alberto Bauli, re del Pandoro

  • Nuovi casi positivi al coronavirus nel territorio veronese: tutti i Comuni di appartenenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento