menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Secondo uno studio l'Alta Velocità non conviene. M5S: "Delrio ci ripensi"

Il dossier è stato promosso dall'associazione Bridges Research e presentato a Roma. La deputata veronese Francesca Businarolo: "Soldi pubblici spesi per benefici molto al di sotto dello zero"

La Tav non conviene. A dirlo è uno studio promosso dall'associazione Bridges Research presentato a Roma da uno degli studiosi che si è occupato direttamente della vicenda, il professor Marco Ponti, già ordinario di economia dei trasporti al Politecnico di Milano.

Lo studio è stato riportato dalla deputata veronese del Movimento 5 Stelle Francesca Businarolo, contraria ad un'infrastruttura che dovrebbe arrivare a Verona attraverso la costruzione di una tratta con Brescia.

L'analisi dei costi e dei benefici non lascia spazio a dubbi - scrive Businarolo riferendosi allo studio del professor Ponti - È più efficiente intervenire sulla linea esistente anziché investire otto miliardi per un tratto di Alta Velocità su cui non c’è nessuna certezza di reale utilizzo e che restituirebbe nemmeno tre miliardi. Alla luce di questi dati, che delineano un quadro complessivo di cui avevamo già fondati sospetti, il ministero dovrebbe riconsiderare il progetto, visto che si tratta di soldi pubblici e che i benefici sono molto al di sotto dello zero. Inquietante, inoltre, che gli amministratori locali non sappiano ancora nulla di quando e come prenderanno il via i cantieri. Poco prima delle elezioni comunali di Verona, il ministro Delrio aveva spergiurato che sarebbero iniziati in autunno, con la massima trasparenza. Trasparenza che finora non si è vista, così come non si sono visti i cantieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento