menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Niente musica nei locali troppo rumorosi. Il Tar ha dato ragione al Comune

La pena della sospensione della musica per 28 giorni non è stata giudicata eccessiva dal Tribunale amministrativo regionale, interpellato dal gestore di un bar di Borgo Trento

Emessa dal Tar la sentenza sul provvedimento di sospensione della musica nei locali rumorosi.

Il Comune ha imposto ad un bar in zona Borgo Trento di spegnere la musica per 28 giorni, perché per tre volte le forze dell'ordine avevano riscontrato delle violazioni al regolamento sulla rumorosità. Come raccontato da L'Arena, il gestore del bar in questione ha fatto ricorso al Tribunale amministrativo regionale, che però ha dato ragione al Comune di Verona.

Musica troppo alta e schiamazzi davanti al locale, un fastidio eccessivo per i residenti della zona che si sono rivolti alla Municipale e alla Polizia, che effettivamente hanno riscontrato in tre sere distinte una situazione insopportabile. Dopo queste segnalazioni è scattata la sanzione del Comune, definita dal Tar "non sproporzionata", perché il Comune avrebbe potuto infliggere pene più severe, come la riduzione dell'orario di apertura. Su questo si basa la decisione del Tribunale veneziano, che ha richiamato anche il dovere degli esercenti alla vigilanza sui propri clienti.

Una sentenza che accende la discussione tra chi chiede di potersi riposare la sera in santa pace e chi invece chiede spazi dove potersi divertire.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Politica

Da Verona parte la crociata contro Sanremo, Castagna: «È diventato Sodoma e Gomorra?»

Attualità

L'ospedale di Negrar si aggiunge ai centri di vaccinazione anti-Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento