rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Piazza Bra

Green pass base o rafforzato e le Regioni colorate: per il vaccinato è sempre zona bianca. Le regole in breve

Inizia l'era del super green pass: come cambia la vita (dei non vaccinati) dal 6 dicembre 2021 in zona bianca, gialla e arancione

Da oggi, lunedì 6 dicembre 2021, inizia ufficialmente sull'intero territorio nazionale italiano l'era del super green pass o green pass rafforzato, ovvero il certificato verde Covid che viene rilasciato esclusivamente ai soggetti vaccinati oppure guariti da Covid-19, mentre non è possibile ottenerlo a seguito di un test con esito negativo per la ricerca del virus Sars-CoV-2. Tamponi e test negativi danno diritto al solo certificato verde base, il quale consente in linea generale di accedere comunque ad alcuni servizi ed attività, ma a seconda del "colore" di una Regione, diviene via via sempre più inutile e non consente di evitare alcune restrizioni previste dalla vigente normativa anti Covid.

In Gazzetta il decreto Covid: quando serve il green pass, quando il super green pass, oppure nessuno dei due

Ad oggi l'Italia vede tutte le Regioni in area bianca, salvo due: il Friuli-Venezia Giulia e la Provincia autonoma dell'Alto Adige che si trovano entrambe collocate in zona gialla. Anche Veneto e Lombardia paiono indirizzate nelle prossime settimane ad entrare in area gialla, ma chiariamolo subito: per chi si è vaccinato l'attuale normativa prevede che ci si possa disinteressare nella maniera più assoluta ai colori delle Regioni fino alla zona arancione compresa. 

Cosa vogliamo dire? È molto semplice: in breve, per chi detiene il super green pass, ovvero in sostanza soggetti vaccinati e guariti da Covid, fino alla zona arancione inclusa è come se fosse sempre zona bianca, le regole cioè per tali soggetti anche in zona gialla o in zona arancione restano identiche a quelle della zona bianca. Questo vale per i ristoranti, gli spettacoli, lo sport, le feste e discoteche, l'accesso agli impianti da sci, gli spostamenti tra Regioni diverse, insomma qualunque settore. Il vaccinato/guarirto possiede in sostanza una specie di armatura bianca che, sotto il profilo normativo, gli consente di vivere come fosse in zona bianca anche se si trova in Regioni zona gialla oppure zona arancione, poiché il decreto-legge 172 del 26 novembre ha stabilito che siano proprio le nuove norme a doversi oggi adattare ai soggetti vaccinati/guariti e non più quest'ultimi alle restrizioni. Limitazioni e restrizioni che, fino alla zona arancione, riguarderanno solamente i soggetti non vaccinati/non guariti da Covid-19.

Tavolate, cenoni di Capodanno e pranzi di Natale: evapora la regola dei 4 non conviventi al tavolo. La circolare ai prefetti

La zona bianca

Ciò che risulta anzitutto essenziale, dunque, è comprendere bene come funzioni oggi la disciplina della zona bianca e, in seguito, a favor di non vaccinato, specificare quali siano le restrizioni via via previste anche nelle altre zone di rischio (gialla e arancione) per chi non può accedere al green pass rafforzato. Anzitutto, il decreto-legge 172 del 26 novembre ha esteso l’obbligo di green pass, in questo caso anche di tipo "base", a ulteriori settori rispetto a prima. Si tratta dei seguenti:

  • alberghi,
  • spogliatoi per l’attività sportiva,
  • servizi di trasporto ferroviario regionale e interregionale,
  • servizi di trasporto pubblico locale.

Dunque, anche in zona bianca se prima era possibile pernottare in un hotel senza esibire il green pass, dall'entrata in vigore del nuovo decreto serve mostrarlo ed è sufficiente il certificato verde base. Il green pass base consente anche di accedere ai servizi di ristorazione dell'hotel se si è ivi alloggiati e questo vale dalla zona bianca fino a quella arancione compresa. Altro esempio: se prima per prendere un mezzo pubblico del trasporto locale, bus o metro che sia, non serviva esibire il green pass, con la nuova normativa è invece necessario: dai treni ai traghetti, dai bus agli aerei, dalla zona bianca alla zona arancione serve il green pass base per spostarsi sui mezzi di trasporto pubblici o privati di linea.

A rendere più complesso il quadro, tuttavia, ci ha pensato una disposizione speciale per le festività di Natale contenuta nel decreto-legge in commento (Art. 6, comma 1), ovvero quella che prevede, dal 6 dicembre 2021 fino al 15 gennaio 2022, l'uso obbligatorio del green pass rafforzato anche in zona bianca per lo svolgimento di tutte quelle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla. In sostanza, nel periodo indicato le restrizioni della zona gialla si applicano anche in zona bianca, ma solo per i soggetti non vaccinati, poiché come detto all'inizio il vaccinato/guarito vive sempre secondo la disciplina dell'area bianca. Tanto è vero che, ad esempio, se dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022 per andare al Bentegodi di Verona a vedere l'Hellas o al cinema per vedere l'ultimo film di Paolo Sorrentino sarà obbligatorio esibire il super green pass, tuttavia la capienza di pubblico allo stadio sarà del 75% sia in zona bianca che gialla che arancione, mentre nei luoghi dello spettacolo sarà al 100%, cioè i limiti di capienza previsti dalla disciplina della zona bianca. 

Dalla zona bianca alla rossa, tutte le novità in ambito sportivo introdotte con il decreto super green pass

La zona gialla

A partire dalla zona gialla sarebbero previste una serie di restrizioni in diversi ambiti, ma con l'introduzione del super green pass tali limitazioni non troveranno applicazione, essendo però previsto che ad avere accesso ai rispettivi servizi o attività siano solo i soggetti vaccinati/guariti ogni qual volta altrimenti vi sarebbero delle limitazioni. Il certificato verde rafforzato servirà dunque per accedere a servizi o attività nei seguenti settori in zona gialla (e pertanto dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022 anche in area bianca):

  • Spettacoli
  • Spettatori di eventi sportivi
  • Ristorazione al chiuso
  • Feste e discoteche
  • Cerimonie pubbliche

In particolare, per andare a teatro, al cinema, a un concerto, oppure ad assistere ad un evento sportivo, non basta più il green pass base, dunque ottenuto eventualmente tramite tampone negativo, bensì è obbligatorio il super green pass che è riservato ai vaccinati/guariti da Covid. Prendendo ad esempio il settore della ristorazione, la situazione per bar e ristoranti (escludendo quelli negli alberghi dove per i clienti della struttura basta il green pass base) è la seguente:

  • In zona gialla per consumare al bancone oppure per consumare seduti al tavolo ma all'aperto non è richiesta nemmeno l'esibizione del green pass base.
  • Sempre in zona gialla, dunque anche in quella bianca nel periodo dal 6 dicembre 2021 al 15 gennaio 2022, per la consumazione al chiuso seduti al tavolo è obbligatorio il super green pass, quindi è riservata a soggetti vaccinati/guariti. Per questi ultimi non vi è alcuna limitazione anche sul numero di persone che possono sedersi insieme allo stesso tavolo, pur se non conviventi tra loro. In sostanza per chi ha il super green pass e dunque può consumare al chiuso in un locale sono ammesse le "tavolate".

Per quanto riguarda poi l'attività sportiva o motoria, la situazione in zona gialla si presenta nel seguente modo:

  • Attività all'aria aperta: sempre consentita anche senza green pass base.
  • Attività al chiuso, ad esempio in piscine e palestre: consentita con il green pass base, dunque anche per i non vaccinati/guariti.
  • Svolgimento di sport di squadra all'aperto: consentito anche senza green pass base.
  • Svolgimento di sport di squadra al chiuso: consentito con green pass base, dunque anche per i non vaccinati.
  • Svolgimento di sport di contatto all'aperto: consentito anche senza green pass base.
  • Svolgimento di sport di contatto al chiuso: consentito con il green pass base, dunque anche per i non vaccinati.

Per l'accesso a mostre e musei, in zona gialla è poi previsto l'obbligo del green pass base, dunque è possibile anche per i non vaccinati ma con tampone negativo. Per acquistare gli skipass negli impianti sciistici che consentano l’accesso a funivie, cabinovie e seggiovie qualora utilizzate con chiusura delle cupole paravento, in zona gialla è sufficiente il green pass base. Per l'uso esclusivo degli impianti di risalita diversi da quelli appena visti, non serve neanche il green pass base.

La zona arancione

Rispetto a quanto visto sin qui, per l'area arancione vi sono alcune restrizioni ulteriori che, come sempre, si applicano ai soggetti non vaccinati. In particolare, per il settore della ristorazione la situazione è la seguente:

  • Consumo al bancone: solo con super green pass.
  • Consumazione al tavolo all'aperto: solo con super green pass.
  • Consumazione al tavolo al chiuso: solo con super green pass.
  • Servizio di ristorazione riservato esclusivamente ai clienti di un hotel: sia all'aperto che al chiuso è sufficiente il green pass base, dunque anche da tampone negativo.
  • Servizio di ristorazione per i clienti esterni a un hotel: è obbligatorio il super green pass, sia all'aperto che al chiuso.

Per l'attività motoria e sportiva, in zona arancione la situazione è la seguente:

  • All'aperto presso spazi pubblici come i parchi: sempre consentita, anche senza green pass base.
  • Al chiuso o all'aperto presso piscine o palestre: solo con super green pass.
  • Sport di squadra al chiuso in centri e circoli sportivi: solo con super green pass.
  • Sport di squadra all'aperto in centri e circoli sportivi: consentita anche senza green pass base, in sostanza l'attività è libera.
  • Sport di contatto sia al chiuso che all'aperto: solo con super green pass.

Per l'accesso a mostre e musei, in zona arancione è poi previsto l'obbligo del super green pass, dunque esclusi tutti i non vaccinati. Per acquistare gli skipass negli impianti sciistici anche per i soli impianti di risalita, in zona arancione è necessario il super green pass, dunque ne sono esclusi i non vaccinati/guariti. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass base o rafforzato e le Regioni colorate: per il vaccinato è sempre zona bianca. Le regole in breve

VeronaSera è in caricamento