rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca

Sul parco della discordia si scatena lira del Pd

Filippi: Se proseguono nella loro opera diffamatoria li citer in tribunale

In un clima politico teso come poche volte anche l’assegnazione della gestione di un parco ha il suo strascico di polemiche. È questo il caso del Parco Quadrante Europa,messo letteralmente in mezzo dal Pd per attaccare la Lega.

Il parco è stato creato sul terreno dell’ex-cava Moreschi e, fin dalla sua istituzione, nel 2004, l’area è stata affidata in comodato al Comune e gestita dalla Quarta Circoscrizione.
 
Per volere proprio degli amministratori di Circoscrizione la gestione del verde era stata affidata all’associazione di volontariato locale Vivere il Parco. Mai un bando, mai una gara di appalto, fino a quest’anno.

E’ proprio da questo che nasce la polemica Pd-Lega. Infatti a settembre la Circoscrizione ha avviato una procedura ristretta per l’aggiudicazione al minor offerente delle gestione del parco. La selezione è stata vinta, sembra, dal Cral Quadrante Europa, che ha dichiarato di poter svolgere la gestione del verde per 1.500 euro all’anno.

Fin qui nulla di particolare. Se non fosse che il Pd sente puzza di bruciato nella “vicinanza” di Maurizio Filippi, che gestisce il Cral, con la Lega. Da qui gli attacchi, con in testa il consigliere Mario Segattini: “Affossata un’associazione di cittadini a favore di un’associazione politicizzata come il Cral”.


Pronta la replica dell’interessato, Maurizio Filippi: “La gara è stata regolare. Con le loro parole gli esponenti del Pd insinuano che la Circoscrizione sia filo leghista, cosa che, come ben si sa, non è”. Ma Filippi non si ferma: “Se il Pd continuerà con queste accuse li citerò in tribunale per diffamazione”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sul parco della discordia si scatena lira del Pd

VeronaSera è in caricamento