Successo per il Tocatì 2016. Partecipazione, aggregazione e divertimento

Si parla di centinaia di migliaia di persone nel centro storico di Verona nei giorni del Festival Internazionale dei Giochi di Strada

Cosa può mettere in comune due persone che vivono a 13 ore di aereo l'una dall'altra? Due persone che sono cresciute in due continenti diversi, con culture diverse, con lingue e tradizioni diverse? Una risposta possibile è: il gioco

Gli organizzatori del Tocatì stanno ancora calcolando quante persone hanno partecipato all'edizione di quest'anno che si è conclusa ieri, 18 settembre, ma si viaggia su cifre simili a quelle dello scorso anno, quindi centinaia di migliaia.

Generazioni distanti nel tempo e popolazioni distanti nello spazio hanno potuto avere un comune denominatore. Famiglie hanno trottolato da un angolo all'altro del centro storico, provando i tanti giochi disponibili e assistendo ai tanti eventi in programma.

Piazza dei Signori per l'occasione è stata ribattezzata piazza Cina perché era tutta dedicata al paese ospite di questa edizione. Mentre la Gran Guardia ha ospitato proprio ieri pomeriggio l'ultima conferenza in programma, quella sulla ludopatia che giustamente è stata rinominata azzardopatia, perché è una malattia che riguarda il gioco d'azzardo e non il gioco, che proprio nel Tocatì mostra il suo lato migliore, quello fatto di aggregazione e divertimento alla portata di tutti.

E alla chiusura del Tocatì ci si è dati appuntamento al prossimo anno, sperando che il 2017 sia anche l'anno dell'inaugurazione del parco dedicato ai giochi tradizionali ricavato nel parco delle Colombare.

LA GALLERY DEL FESTIVAL

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Dopo l'abbandono, il piccolo Zeno lascia l'ospedale per andare in affidamento

Torna su
VeronaSera è in caricamento