menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stress da "prima campanella" a scuola: i consigli del pedagogista Callegaro

"Riprendere scuola è uno stress, come ogni cambiamento che modifica il proprio ritmo di vita" spiega il pedagogista clinico Carlo Callegaro del Centro Studi Specialistici "San Marco" con sede a Bussolengo

Dopo la pausa estiva, è fissato sul calendario al 12 settembre il suono della prima campanella. Per alcuni studenti si tratta di un ritorno sui banchi delle aule lasciate a giugno. Per altri, soprattutto nel passaggio tra medie e superiori, è un cambiamento importante nel quale mamma e papà devono avere un ruolo attivo.

"Riprendere scuola è uno stress, come ogni cambiamento che modifica il proprio ritmo di vita" premette il pedagogista clinico Carlo Callegaro del Centro Studi Specialistici “San Marco” con sede a Bussolengo. Minimizzare lo sforzo, per vivere l'anno scolastico in maniera serena, è possibile seguendo alcuni accorgimenti. È necessario innanzitutto imparare dai propri errori: "Ogni genitore deve cercare di ricordare ciò che l’anno scorso ha rappresentato un problema, una difficoltà rispetto alla vita scolastica del figlio» spiega. Come? Imparando a cogliere segni di stanchezza ed anticipando criticità. Anche l'ambiente ha un ruolo chiave: «Coinvolgere i ragazzi nel creare un luogo di studio il più possibile accogliente è una prima, semplice, mossa. L'ordine è fondamentale: è in quello spazio, del resto, che lo studente trascorrerà molte ore dei prossimi nove mesi".

Il riposo è fondamentale per riacquistare energie utili a tenere il passo con i ritmi scolastici. Il consiglio è quindi, aggiunge, "di usare la settimana precedente alla prima campanella per introdurre i tempi di sveglia che poi saranno quelli della scuola. Così il risveglio sarà meno traumatico e si scongiurerà il rischio di arrivare in ritardo". Questione di equilibrio, sottolinea, che dev'essere applicato alle attività in generale: dal riposo ai momenti ricreativi e di sport, dalla preparazione dei compiti alla gestione della vita familiare. "Perché programmare? La frenesia della vita quotidiana porterà inevitabilmente a concentrarsi sulle emergenze, perdendo di vista dimensioni che sono invece fondamenti per la crescita di un figlio".

Un'ultima raccomandazione riguarda il non trascurare i segnali di allarme che possono emergere nelle prime settimane di scuola: tristezza, facilità al pianto, tendenza all'isolamento e rifiuto a partecipare ad iniziative sociali possono essere sintomo di episodi di bullismo o di disagio nell'ambientamento. Davanti al minimo sospetto è opportuno intervenire ed essere di supporto ai ragazzi: "Ogni figlio – conclude – ha bisogno di sentire che in lui si ripone fiducia, che tutto andrà bene. Sarà un anno impegnativo, ma allo stesso tempo formativo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento