Cronaca Porto San Pancrazio / Viale Stazione Porta Vescovo

Stazione Porta Vescovo in disuso. Marani: "Necessario un rilancio complessivo"

La stazione di Porta Vescovo è da molti ormai quasi dimenticata, di certo la meno utilizzata anche perché scarsamente fornita di adeguati servizi. Il consigliere Marani (Pd) propone che s'intervenga con un piano di rilancio

La stazione di Porta Vescovo è da lungo tempo ormai lasciata in condizioni di semi-abbandono. Pur essendo la prima ad essere stata costruita, nel lontano 1847 dagli Austriaci che all'epoca dominavano anche a Verona, nel tempo è stata surclassata dalla sorella stazione di Porta Nuova. Si è spesso parlato di una rivalutazione dell'area, ma a tutt'oggi è una stazione poco utilizzata e ancor meno fornita di adeguate indicazioni per i turisti, così come di servizi taxi o autobus.

La denincia, come riferisce l'Arena, questa volta parte dal consigliere Pd Giacomo Marani: "È sempre piu dimenticata e lasciata a se stessa. Sono evidenti numerose carenze, pare abbandonata da tempo e mancano tutti i servizi all'esterno. Ritengo che per una città a vocazione turistica come la nostra lasciare la seconda stazione cittadina in questo stato sia un brutto biglietto da visita. Mancano indicazioni delle fermate degli autobus piu vicine e la stessa stazione non è servita. Non ci sono rastrelliere per le bici e neanche parcheggi per i taxi. Basterebbe anche una colonnina per la chiamata dei taxi, ma non c'è neanche quella. Queste sono le carenze piu evidenti, ma sarebbe necessario pensare ad un rilancio complessivo della stazione stessa, magari facendo fermare anche i treni regionali per Milano, utili per i residenti della zona est (più di 70 mila nel solo comune, non considerando la provincia est e nord-est) e per gli studenti pendolari, visto che Porta Vescovo è a pochi passi dalla zona universitaria".

Su quest'ultimo punto vale poi la pena sottolineare come non lontano da lì, nell'ex caserma di Santa Marta, dovrebbe finalmente sorgere un polo residenziale che offrirà alloggi a docenti e ricercatori. Sempre lo stesso consigliere comunale, come riferito dall'Arena, su questo tema conclude: "Consideriamo anche che nella ex caserma Santa Marta sta sorgendo un grande polo per universitari e ricercatori e questo potrebbe portare a un maggiore utilizzo della vicina stazione di Porta Vescovo. Sarebbe bello pensare in generale a un sistema di trasporto su rotaia, magari potenziando anche la stazione di Parona".  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stazione Porta Vescovo in disuso. Marani: "Necessario un rilancio complessivo"

VeronaSera è in caricamento